Falsi ispettori del lavoro truffano una 87enne: rubati soldi e gioielli

Tre malviventi, con la scusa di controllare l'eventuale presenza di bandanti che lavoravano in nero, sono entrati ed hanno fatto razzia

Si sono presentati alla porta di un'anziana di 87 anni in Strada Nuova di Vigatto per cercare di entrare all'interno e rubarle i soldi. I tre truffatori che hanno agito ieri pomeriggio 17 gennaio, hanno escogitato un nuovo metodo: fingersi ispettori del lavoro. Non hanno fatto finta quindi di essere poliziotti o carabinieri ma di essere intenti a controllare la presenza di eventuali lavoratori in nero all'interno del palazzo, in particolare badanti. La donna ha così fatto entrare i tre malviventi in casa: mentre due di loro distraevano l'anziana il terzo ha rovistato nelle stanze ed è riuscito a trovare alcuni gioielli in oro e soldi in contanti, per un valore di qualche centinaia di euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • Ribaltone Genoa: c'è Faggiano al posto di Marroccu

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento