Maxi frode dei prosciutti San Daniele: tra gli indagati anche due parmigiani

Marco Sassi e Fausto Palmia, direttore generale ed ex direttore generale di Ipq, l'Istituto Parma Qualità sono finiti nei guai: secondo la Procura avrebbero omesso i controlli che avrebbero impedito la maxi truffa

Una falsificazione di grandi dimensioni, che andava avanti da circa dieci anni e che avrebbe permesso di mettere in commercio quasi 300 mila prosciutti che non avrebbero potuto essere identificati con l'etichetta San Daniele. La maxi frode è stata ipotizzata dalla Procura di Pordenone che ha concluso un'indagine iniziata nel 2016, iscrivendo 103 persone nel registro degli indagati: tra allevatori, veterinari, addetti del macello di Aviano, ispettori del Consorzio di Tutela, oltre agli organismi di controllo. I parmigiani Marco Sassi e Fausto Palmia, rispettivamente direttore generale ed ex direttore generale di Ipq, l'Istituto Parma Qualità sono accusati di aver omesso i controlli che avrebbe potuto impedire la maxi frode.

In particolare, secondo l'accusa, i due non avrebbero svolto il controllo delle genetiche non ammesse dei maiali, quelli sulla macellazione prima dell'età minima prevista, sul peso medio per partita, oltre che sull'alimentazione degli animali. Anche lo stesso Istituto di controllo è stato coinvolto nell'inchiesta per la norma sulla responsabilità amministrativa degli Enti. Mario Bonati, l'avvocato di Ipq, ha dichiarato che non ha ancora avuto modo di leggere gli atti e si riserva di intervenire. I prosciutti messi in commercio sarebbero stati, secondo l'accusa, con cosce di Duroc danese o alimentati con scarti della produzione industriale del pane, della pasta, della pizza e dell'industria dolciaria. Tutte procedure non ammesse. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Procura ipotizza anche truffe per ottenere un contributo previsto dal piano di sviluppo rurale della Comunità europea di 400 mila euro, e per incassare ulteriori contributo per 520 mila euro. Scoperti anche reati di natura fiscale e ambientale. I reati sono stati contestati a 62 persone - tutti della filiera produttiva, di controllo e sanitaria - a 25 imprese ed a 16 posizioni stralciate ad altre procure

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento