Omicidio Guarino, arrestati per usura sei familiari del boss assassinato

In manette sono finiti la moglie, i due figli e tre cognati dell'ex ras della camorra ucciso a Medesano nell'ottobre 2010 per mano di Mario Illuminato che temeva la concorrenza di Guarino

Carabinieri

Dopo l'omicidio di Raffaele Guarino, detto 'o' Rafele', il 'ras' della camorra ucciso con due colpi di pistola alla testa nell'ottobre del 2010 a Medesano, la famiglia si era preoccupata di portare avanti l'attività di strozzinaggio messa in piedi dal boss nel 2009. E oggi, nel corso di un blitz, i carabinieri di Parma e Salsomaggiore hanno arrestato sei persone, tutte familiari di Guarino. In manette è finita la moglie Caterina Schiavo di 47 anni, i figli Carlo e Luigi di 22 e 20 anni, i cognati Pasquale e Guglielmo Schiavo (41 e 46anni) e la moglie di quest'ultimo Elvira Visconti di 40 anni. Sono tutti pregiudicati, accusati di usura ed estorsione.

La famiglia del boss aveva un'attività di rivendita di prodotti tipici campani che in realtà serviva da copertura agli affari illeciti. Nella morsa dei 'Guarino' una decina di commercianti e piccoli imprenditori di origine campana a cui, in cambio di denaro, venivano chiesti interessi dal 5% al 10% mensili sotto la minaccia di pesanti ritorsioni. Alla fine la denuncia che ha portato all'arresto dei sei.

TUTTE LE NOTIZIE SULL'OMICIDIO GUARINO
 

Potrebbe interessarti

  • Parma, tappa per BlaBlaBus: si viaggia in tutta Europa

  • Bere alcolici fa male: il vero sballo è dire no

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

  • I 10 elementi che devono essere conservati fuori dal frigorifero

I più letti della settimana

  • Schianto tra due mezzi pesanti in A1: muore un camionista

  • Incidente in piscina: la 12enne parmigiana è morta

  • Tragedia a Colorno: ciclista 54enne cade sull'Asolana e muore

  • Pauroso schianto tra auto e bici a Noceto: 16enne gravissimo al Maggiore

  • Parma sotto choc per la morte di Sofia Bernkopf: "Una bambina che amava ballare e sorrideva a tutti"

  • Caso Pesci, i medici del Pronto Soccorso: "Legata, con una pallina in bocca e frustata"

Torna su
ParmaToday è in caricamento