Blitz delle famiglie in Comune. Rossi: 'Nessuna trattativa'

Le famiglie sotto sgombero entrano in Comune in piazza Garibaldi per chiedere di incontrare Pizzarotti che però è fuori sede. Corteo fino al Duc

AGGIORNAMENTI. L'incontro tra la delegazione composta da alcuni attivisti della Rete Diritti in Casa e dalle famiglie che hanno occupato la palazzina abbandonata di via Casa Bianca con l'Assessore Rossi e' finito. Le soluzioni proposte dal Comune di Parma rimangono invariate. L'ostello per le famiglie e il dormitorio per una single. Nel frattempo sarebbe stata trovata una casa per la famiglia con il bimbo di 15 giorni da un altro Ente. Gli attivisti: "Da parte del Comune non è stata offerta nessuna soluzione, le famiglie non hanno alternative a vivere dove sono ora, insieme ai propri figli". 

VIDEO. ROSSI: 'LE FAMIGLIE? CONVOCATE DA CHI?'

'MANDIAMO PIZZAROTTI A VIVERE IN CANTINA' 

Le famiglie che vivono nella palazzina occupata sotto sgombero in via Casa Bianca sono entrate in Comune per chiedere un incontro al sindaco Federico Pizzarotti che però non è in sede. Sul posto i vigili urbani e la Digos. La situazione è rimasta tranquilla per tutto il tempo della trattativa. 

Le famiglie, insieme agli attivisti della Rete Diritti in Casa, si sono mossi in corteo fino al Duc. Hanno scandito slogan contro l'amministrazione come: 'La casa è un diritto, l'affitto una rapina. Mandiamo Pizzarotti a vivere in cantina". Tra poco incontreranno l'Assessore Rossi con una delegazione. L'assessore Rossi ha detto alla delegazione: 'Conosciamo la situazione grave di via Casa Bianca. L'occupazione e' abusiva e non facciamo nessuna trattativa. Quando le famiglie usciranno la soluzione in emergenza la si trova. Non c'e nessuna trattativa in corso".

IL COMUNICATO DELLA RETE DIRITTI IN CASA. "Oggi le famiglie occupanti il condominio di Via Casa Bianca 64 si sono recate presso il Municipio di Parma. L'obbiettivo era quello di incontrare il sindaco per rompere il cupo silenzio che grava sul loro futuro in quanto minacciate di essere sgomberate da un momento all’altro dalla casa in cui si trovano. Il sindaco non era in sede e pertanto un piccolo corteo composto dalle stesse famiglie e qualche decina di solidali si è recato al DUC per incontrare l’assessore ai servizi sociali Rossi.

Sul tavolo c’era la possibilità di risolvere la situazione con un piccolo sforzo da parte del comune: infatti per una famiglia, dalla quale fa parte anche un bimbo nato il 16 gennaio 2014, si profila una soluzione grazie all’interessamento della caritas, un'altra famiglia potrebbe trovare una soluzione tramite la Rete Diritti in Casa e al comune si chiedeva di trovare una risposta per un'altra famiglia di cui fa parte anche una bimba di 10 mesi.
Le aspettative da parte di tutti erano molto positive ma purtroppo il Comune di Parma nella persona dell’assessore ai servizi sociali Rossi ha opposto alle richieste degli occupanti un vero e proprio muro di gomma. L’assessore è stata categorica nell’affermare che per coloro che non hanno tuttora trovato una soluzione alternativa all’occupazione il Comune di Parma intende offrire solo ospitalità nell’ostello comunale ed eventualmente in residence mentre per la signora single la prospettiva è il dormitorio. L’indifferenza dell’assessore di fronte alla possibilità di risolvere in modo pacifico lo sgombero del palazzo , con una posizione che la stessa ha dichiarato essere condivisa dal sindaco, fa il paio con il sostanziale immobilismo della giunta grillina sul tema delle politiche abitative.L’assessore in un recente passato è giunta addirittura a chiedere aiuto ai privati proprietari come se gli stessi fossero motivati dalla solidarietà e non dal profitto e rifiuta per principio di andare a scalfire gli interessi privati che regolano a tutto tondo il mercato dell’abitare.

La soluzione all’emergenza abitativa che coinvolge in modo sempre più drammatico migliaia di famiglie italiane e straniere si può concretamente realizzare nella requisizione delle migliaia di alloggi vuoti, abbandonati oppure mai abitati che sono disseminati in giro per la città. Invece tutte le istituzioni sembrano volgersi alla massima tutela della proprietà immobiliare privata. I precedenti sgomberi delle case occupate di Borgo Poi, Via Trento, Via Bengasi e della scuola di Marore sono lì a dimostrare che proprietari, magistrati, polizia e istituzioni preferiscono tenere gli alloggi vuoti e destinati al progressivo degrado piuttosto che utilmente vissuti e abitati da persone in carne ed ossa. Il richiamo al rispetto della legalità che famiglie ed attivisti si sono sentiti ripetere da parte dell’assessore Rossi stride non poco sia con quanto previsto dalla Costituzione che ricordiamo prevede all’art 42 che la proprietà possa essere limitata per assicurarne la funzione sociali, sia con il fatto che di fronte all’emergenza la stessa amministrazione viola la normativa ospitando presso i dormitori anche i minori. Sembra che anche per la tanto invocata legalità esistano due pesi e due misure, la legalità che garantisce la speculazione sembra infatti essere posta su uno scalino più alto della legalità che garantisce i diritti dei minori; scelta del tutto arbitraria e spinta dal fatto che, come al solito, le istituzioni scelgono di schierarsi dalla parte di chi detiene il potere economico non curandosi degli interessi dei cittadini "semplici".

La Rete Diritti in Casa prende atto che l’amministrazione Pizzarotti, che è stata eletta sulla base di un programma e di dichiarazioni di rottura rispetto al passato, si sta limitando solamente a pagare i debiti delle amministrazioni precedenti e a dare compimento a progetti fallimentari avviati in precedenza (per le politiche abitative vedasi il Parma Social House). Anche il commissario prefettizio ci sarebbe riuscito, senza tanto clamore mediatico. Il tutto ci conferma che solo la mobilitazione sociale e il conflitto che vada ad intaccare la grande proprietà immobiliare possono portare a passi in avanti verso l’affermazione del diritto all’abitare, al reddito, a un’esistenza degna. Per le famiglie di Via Casa Bianca non possiamo che confermare la volontà di resistere ad oltranza e dal basso, ritenendo inaccettabili le proposte fin qui pervenute". La Rete Diritti in Casa e le famiglie di Via Casa Bianca

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basket in lutto: muore la 18enne Alessia Zambrelli

  • Violenta una bimba di 8 anni nel suo negozio: arrestato commerciante 37enne

  • Terrore in A1, auto si schianta e si incendia vicino al treno deragliato: muore una 21enne parmense

  • Schianto mortale in A1: arrestato il pirata della strada che ha travolto l'auto dei quattro giovani

  • "Furti nel parmense: attenti alla banda di ladri che gira a bordo di una Giulietta"

  • "Addio Alessia, che tu ora possa trovare la serenità"

Torna su
ParmaToday è in caricamento