Federico Pesci: revocato anche l'obbligo di firma

E' caduta anche l'ultima misura cautelare nei confronti dell'imprenditore parmigiano

Cade anche l'ultima misura cautelare nei confronti di Federico Pesci, l'imprenditore parmigiano 47enne accusato di violenza sessuale dalla giovane 23enne - che all'epoca dei fatti aveva 21 anni - che ha accusato di essere stata abusata sessualmente, nell'attico di via XXIV Maggio a Parma,  da Pesci e dal nigeriano Anyem Wilson Ndu, già condannato a 5 anni e 8 mesi di carcereFederico Pesci non dovrà più andare in Questura a firmare ogni giorno: la decisione è stata presa dal collegio di giudici presieduto da Paola Artusi, dopo che gli avvocati della difesa avevano presentato la richiesta. Nel frattempo il processo nei suoi confronti prosegue: l'ultima decisione del Tribunale era stato la disposizione della perizia psichiatrica nei confronti della ragazza che ha denunciato il presunto stupro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento