Profughi, aggressione a Felino. Pizzarotti: "Solidarietà alla sindaca e alla proprietaria della villa"

Il primo cittadino di Parma commenta la situazione di San Michele Tiorre: "Farsi dominare dalla paura, seguire chi grida alla pancia e non segue la ragione, pensare che la violenza verbale o fisica sia una soluzione sono il metodo per cadere ancora più in basso"

Tensione alle stelle a San Michele Tiorre, frazione di Felino per l'arrivo di venti richiedenti asilo. Dopo l'aggressione alla donna di 59 anni che ha concesso la sua villa alla cooperativa Svoltare, che si occupa dell'accoglienza dei ragazzi, il sindaco Federico Pizzarotti interviene per chiarire come, secondo lui, è necessario intervenire sul tema. Il primo cittadino condanna l'aggressione e dà solidarietà alla donna, oltre che alla sindaca Leoni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sindaco commenta la notizia dell'aggressione alla proprietaria della villetta. "Pazzesco. Succede a Felino, a due passi da Parma. Farsi dominare dalla paura, seguire chi grida alla pancia e non segue la ragione, pensare che la violenza verbale o fisica sia una soluzione sono il metodo per cadere ancora più in basso. Invece noi siamo una comunità, la siamo sempre stata, abitiamo l’uno vicino all’altra, frequentiamo lo stesso bar, compriamo il giornale nella stessa edicola, portiamo i figli nella stessa scuola. Siamo concittadini. Ci facciamo dividere da chi urla più forte, quando dovremmo essere uniti. Perché è facile esserlo nei periodi storici di prosperità. Più difficile in quelli in cui il mondo è in confusione. Ma è in questi periodi che l’unità diventa preziosa. La paura è un sentimento che divide. Le soluzioni ci sono, ma noi dobbiamo avere un approccio istituzionale: ancora più legge, ancora più Stato. Personalmente è quello che Parma sta applicando, e lo fa mettendo in conto che lo Stato deve farsi sentire nelle ancora più forte nelle nostre città. Ma non ci facciamo dividere dalla paura. Solidarietà alla signora aggredita e vicinanza al Sindaco Leoni che deve gestire questa difficile situazione" 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento