rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
FEMMINICIDIO

Via Marx: nei prossimi giorni l'autopsia sul corpo di Silvana Bagatti

I vicini di casa hanno raccontato di una situazione molto delicata, che andava avanti da anni. Giorgio Miodini aveva anche provato a chiedere aiuto ai servizi sociali

Si terrà nei prossimi giorni l'autopsia sul corpo di Silvana Bagatti, la 76enne uccisa dal marito Giorgio Miodini, che le sparato un solo colpo al torace utilizzando una carabina da caccia, regolarmente detenuta dall'uomo. Il femminicidio è avvenuto al civico 21 di via Marx a Parma, nel quartiere San Lazzaro alle 8.30 di mercoledì 15 maggio. "Avrebbero chiamato me se fosse successo qualcosa" ricorda il nipote. E quella chiamata è arrivata: alle 8.40 di ieri. Poi la corsa sul posto, dove già erano presenti i carabinieri e la polizia.

Un vicino: "Giorgio era esaurito: mi diceva che voleva morire"

Carabinieri e polizia sul posto

E' stato lo stesso Giorgio a chiamare il 112. Poi il fermo e l'arresto con l'accusa di omicidio volontario. L'arma del delitto è una carabina da caccia. La dinamica dell'omicidio è chiara agli inquirenti: il fuoco mortale contro la donna con la quale aveva vissuto per più di 45 anni, sempre nell'abitazione di via Marx, è partito poco prima delle 8.30. Un solo colpo che è stato fatale per Silvana, che al momento del delitto si trovava ancora a letto. I vicini di casa hanno raccontato di una situazione molto delicata, che andava avanti da anni. Giorgio aveva anche provato a chiedere aiuto ai servizi sociali. I parenti e i vicini parlano di una situazione che si stava facendo sempre più grave all'interno delle mura domestiche. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Marx: nei prossimi giorni l'autopsia sul corpo di Silvana Bagatti

ParmaToday è in caricamento