Cronaca

Si lamenta per la droga, pusher ferisce il cliente con un machete: arrestato 26enne tunisino

I carabinieri hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip e lo hanno bloccato mentre era al bar

Ha accoltellato un connazionale - il 9 maggio in strada Naviglio Alto a Parma - perchè si era lamentato per la quantità di droga che gli aveva appena venduto. Un 26enne tunisino è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di lesioni personali aggravate, deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni personali al volto e porto abusivo di armi. Al termine delle indagini - coordinate dalla Procura della Repubblica di Parma - i militari hanno emesso l'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del giovane, bloccato nei pressi di un bar nella serata del 15 giugno. 

Le indagini sono partite il 9 maggio: in via Naviglio Alto c'è stato un accoltellamento tra due persone: la vittima, che aveva profonde ferite lacero-contuse alla guancia ed in alte parti del colpo - prima di essere trasportata in ospedale - aveva dichiarato di conoscere l'aggressore. L'episodio sarebbe nato da una lite nata tra l’aggressore ed il ferito che si sarebbe lamentato con lo stesso dell’esigua quantità di stupefacente che gli era appena stata venduta. Il 26enne tunisino, a quel punto, avrebbe inseguito e poi ferito la vittima con un coltello - machete. I carabinieri sono riusciti a verificare il racconto della persona aggredita, grazie alla testimonianze di alcuni passanti e alle immagini delle telecamere. Il Gip ha disposto la custodia cautelare in carcere: il 26enne si trova in via Burla. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si lamenta per la droga, pusher ferisce il cliente con un machete: arrestato 26enne tunisino

ParmaToday è in caricamento