Via Trento: fermate nomadi con precedenti per furto in tutto il Nord

Avevano precedenti per furto in abitazione in altre città del Nord Italia le due nomadi fermate da un equipaggio delle Volanti in via Trento. Una delle due è stata arrestata per condanna dalla Procura di Udine

Nomade arrestata

Avevano messo a segno una serie di furti in abitazione in molti centri del nord Italia, tra cui Rimini, Reggio Emilia, Udine, Gorizia, le nomadi fermate in via Trento perchè notate aggirarsi in atteggiamenti sospetti tra i caseggiati della zona. Le due donne, domiciliate nel campo nomadi di Gerre de' Caprioli a Cremona, erano state fotosegnalate più volte e avevano a loro carico numerose denunce per reati contro il patrimonio, in particolar modo furti in abitazione, in diverse località del nord. In molti casi avevano fornito false generalità. Su una delle due, R.S., classe 1983, croata, pendeva una pena di 6 anni e 6 mesi di carcere da scontare per furti in abitazione, emessa dalla Procura di Udine. Per questo motivo, R.S., è stata condotta nel carcere di via Burla, mentre l'altra donna è stata munita di foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Parma per 3 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

Torna su
ParmaToday è in caricamento