Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Centro

Festa internazionale della storia, Ferraris: "Occasione per il territorio"

Una buona occasione per Parma e il suo territorio di coesione e valorizzazione la XI edizione della Festa della storia, secondo quanto sottolineato dall'assessore Ferraris per la presentazione del ricco programma

Va a Jacque Le Goffe l'omaggio della XI edizione della Festa internazionale della Storia, previsto dal 4 al 13 ottobre prossimi. Un calendario ricco di eventi, tutti a carattere gratuito e dalla vocazione divulgativa, con 50 appuntamenti e il caratteristico accampamento romano in Piazzale della Pace, allestito per l'occasione delle celebrazioni dei 2000 anni dalla morte dell'imperatore Augusto. La festa internazionale della storia, ideata dall'Università di Bologna e diretto dal Dipast, ha ricevuto il patrocinio del Ministero dei Beni e attività culturali e del turismo, oltre che della Soprintendenza ai beni archeologici dell'Emilia Romagna, di Alma Mater Studiorum dell'Università di Bologna. "Dopo un anno di preparativi, siamo particolarmente soddisfatti del lavoro svolto, con un programma che vede tra le novità l'estensione oltre a Parma al suo territorio, da Fontevivo a Lesignano - ha sottolineato Carlo Zoni, comitato scientifico -. Ci muoviamo sotto il segno della continuità, con principi di partecipazione, perchè è una festa che nasce dal basso, sinergia, per la collaborazione di istituzioni e associazioni che mirano a valorizzare il territorio. Puntiamo anche sull'innovazione, perchè è quanto mai necessario riuscire a valorizzare la storia nel suo senso più ampio".

Una formula insolita quella del festival internazionale della storia, come sottolineato da Zoni, che ha rimarcato come nel resto d'Europa si tenda a realizzare eventi culturali legati alla storia o da organizzazioni verticaliste o sotto forma di feste popolari. "Questa iniziativa vuole essere invece dal carattere divulgativo e al contempo piacevole, con intermezzi musicali e di intrattenimento. Un modello che speriamo di poter esportare nel resto d'Europa, già seguito dalla Spagna e a breve dalla Francia". Un'occasione di importante valorizzazione e coesione per le realtà del parmense, come ricordato dall'assessore Ferraris, che avrà carattere gratuito anche grazie al contributo degli sponsor e dal contributo della casa editrice Diabasis, che oltre a curare la comunicazione presenterà il libro di una studentessa parmigiana, Giulia Sulpizi, "Sotto il segno di Venere", dedicato alla figlia dell'imperatore Augusto.

IL PROGRAMMA COMPLETO


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa internazionale della storia, Ferraris: "Occasione per il territorio"

ParmaToday è in caricamento