menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fidenza, trovato con 8 carte clonate e 500 euro: arrestato un 26enne

I carabinieri hanno anche denunciato a piede libero due complici già gravati da precedenti penali. Arrestato anche un 28enne che in un bar si è scagliato contro i militari strappando la giacca del capo servizio

Alle 19:30 circa, nei pressi di un centro commerciale, i carabinieri di Fidenza, impegnati in uno specifico servizio per la repressione di reati contro il patrimonio, la cui esigenza era maturata attraverso alcune segnalazioni relative all’utilizzo di titoli di credito clonati, notavano la presenza di un giovane straniero che si aggirava con fare sospetto.

I militari hanno seguito i movimenti del giovane che, con passo sicuro, stava per fare accesso al grande magazzino di elettrodomestici. I militari eseguivano il controllo del giovane, che risultava essere il 26enne rumeno G.A. senza fissa dimora in territorio nazionale, privo di documenti, ma in possesso di ben otto carte di credito clonate con le quali aveva incassato sino a quel momento oltre 500 euro di denaro contante e che si apprestava ad utilizzare per acquistare apparecchiature Hi-Fi.

Il giovane, stante la flagranza del reato, veniva immediatamente tratto in arresto e le carte ed il denaro in suo possesso sequestrati. Nei paraggi del centro commerciale veniva rintracciata la Mercedes dalla quale era stato visto scendere il giovane. Fermata la vettura, all’interno della stessa venivano identificati gli occupanti nel 31enne salsese R.D. e nel 23enne rumeno V.C. residente in provincia di Roma. I due, che non disponevano di alcun altro titolo di pagamento clonato, risultano gravati da precedenti penali specifici per i quali erano già stati arrestati durante il corrente anno, in altre località italiane.

G.A. ha terminato la sua giornata in una cella del carcere di Parma, mentre i suoi due complici sono stati denunciati a piede libero e rimessi in libertà nella stessa serata. I carabinieri fanno appello ai commercianti ai quali chiedono di porre la massima attenzione ai titoli di credito in circolazione, segnalando ogni eventuale persona sospetta che possa disporne, utilizzando il numero di pronto intervento “112”.

VIOLENZA E OLTRAGGIO A PUBBLICO UFFICIALE
Era stato protagonista di numerosi interventi dei carabinieri di Fidenza che nelle ultime settimane avevano dovuto allontanarlo da alcuni bar della zona ove entrava nelle ore serali, molestando i clienti. Già denunciato a piede libero numerose volte per reati che non consentivano l’arresto ed allontanato, ha dimostrato di non volersi mai adeguare alle norme della corretta convivenza.

La presenza dell’uomo aveva scatenato alcuni giorni fa anche una lamentela scritta diretta al Questore di Parma da parte di esercenti di questa città. Lamentela che era stata trasmessa a questo Comando che già ben conosceva la situazione. Ma non è stata la lamentela a risolvere la situazione, bensì l’ennesimo intervento eseguito dai militari del Radiomobile.


Nella serata del 17 dicembre, i militari coglievano nuovamente il 28enne Marocchino E.F. all’interno di un bar. L’extracomunitario, visti i militari inveiva nei loco confronti minacciandoli, oltraggiandoli ed opponendo viva resistenza nei loro confronti, tanto da strappare la giacca dell’uniforme al capo servizio. Visto il comportamento, questa volta, estremamente lesivo, il soggetto veniva immediatamente tratto in arresto e, dopo la redazione degli atti a suo carico, tradotto nella stessa serata al Carcere di Parma per essere messo a disposizione dei magistrati di quella Procura della Repubblica, dinnanzi ai quali dovrà rispondere dei reati di violenza, minaccia, resistenza, oltraggio a p.u. e danneggiamento aggravato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento