rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca Fidenza

Fidenza, preso l'aggressore del centro: era un barbiere abusivo

Aveva colpito con un rasoio il proprietario, nei pressi del Bar Commercio, un passante dopo una lite per futili motivi con gli avventori del bar. Bivaccava in un angolo del garage

I Carabinieri della Compagnia di Fidenza, a poche ore dall’aggressione a colpi di rasoio occorsa nei pressi del Bar Commercio, in pieno centro, hanno rintracciato il presunto responsabile. Grazie alle testimonianze raccolte nell’imminenza dei fatti e all’analisi delle registrazioni delle telecamere comunali e private dalla zona, i militari intervenuti sono riusciti in poche ore a dare un nome all’extracomunitario che, al culmine di una lite per futili motivi con gli avventori del bar, si era scagliato contro un passante e lo aveva attinto in due diversi punti del corpo con un oggetto contundente.

Diramate fotografia e identità a tutte le pattuglie della zona, i Carabinieri hanno continuato a battere tutte le aree ove è più frequente rintracciare soggetti privi di fissa dimora. Le ricerche hanno dato i loro frutti nella tarda mattinata di ieri, quando una pattuglia del NORM di Salsomaggiore, subito coadiuvata da due equipaggi, in uniforme e in borghese, dei Carabinieri di Fidenza, ha fatto irruzione in una struttura alberghiera abbandonata dalle parti di Tabiano. Un soggetto bivaccava in un angolo del garage: privo di documenti, assomigliava al ricercato ma vestiva abiti nettamente diversi e, soprattutto, portava barba e capelli non compatibili con quelli dell’accoltellatore ripreso dalle telecamere del centro borghigiano.

I Carabinieri di Fidenza hanno accompagnato il quarantenne nordafricano in Caserma e hanno velocemente svelato l’arcano: il soggetto, barbiere “abusivo”, portava nello zaino l’attrezzatura utile a esercitare la professione, per qualche soldo, in giro per le strade. Aveva quindi provveduto a cambiare look per sfuggire alle ricerche. La perquisizione, inoltre, ha permesso di appurare l’origine dell’oggetto contundente utilizzato per l’aggressione al bar, descritto sommariamente dai testimoni: si trattava di un rasoio da barba, affilatissimo, sottoposto a sequestro. L’assenza di flagranza non ha consentito di procedere all’arresto dell’uomo il quale, però, è stato denunciato a piede libero con l’accusa di lesioni aggravate e porto di oggetto atto a offendere. I militari hanno anche avviato le procedure utili all’emissione del “foglio di via” dal comune di Fidenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fidenza, preso l'aggressore del centro: era un barbiere abusivo

ParmaToday è in caricamento