menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La figlia di Bernazzoli dirigente Iren, Gcr: "Si faccia la dovuta chiarezza"

L'Associazione: "La speranza-certezza che tutto sia alla luce del sole rimane, la fiducia nelle istituzioni idem, così come l'opportunità che si faccia la dovuta chiarezza sul tema. Di questo siamo certi"

"Chissà che confusione in Iren, doversi sempre domandare: “Bernazzoli? Quale?”. Un cognome che si ripete: quando vengono compilate le buste paga o quando si deve chiedere udienza per costruire un inceneritore. Un sacco di confusione, incertezze, scambi di persone. Per fortuna l'età aiuta, uno è padre, l'altra è figlia. Uno è presidente, l'altra è dirigente. Ma la rima è la stessa. E a noi la cosa parrebbe davvero clamorosa, una specie di autogol, come quasi offrire il fianco scoperto alle solite malelingue. Ma se non fosse che vige il silenzio stampa in piazzale della Pace, ci suggeriscono che sarebbe opportuno porre qualche domanda, solo quelle che bastano per fugare ogni dubbio, per mettere il cuore in pace e dormire sonni tranquilli, tutti quanti.

E riteniamo senz'altro che tutto sia nei termini della correttezza. A livello nazionale impazza il “toto nepotismo” e il “chi ha l'harem più rifornito”, si ricerca la meritocrazia e non le baronie e i “familismi”, così il vizio di curiosare si sta allargando a tutta la Nazione, centro nord incluso. Così anche Parma non è indenne alla ricerca di verità e le voci, che noi riteniamo non veritiere, circolano senza tregua. A tante porte bussano, un giorno è risuonata anche la nostra e, visto che i postini da noi suonano sempre due volte, nella posta, infiocchettato a dovere, abbiamo trovato il piano economico finanziario di Iren (315, forse 350 milioni da spendere per il ludico e “benefico” inceneritore), ma anche, ambasciatore non porta pena, una pulce fastidiosa.

Una pulce senza senso, ovviamente, e che quindi basta poco a far vacillare, ma quando anche il poco stenta ad arrivare, ci si preoccupa, anche se per nulla. La morbosa curiosità si spinge a un divertissement: le date di assunzione dei dirigenti sono dati pubblici? I ruoli ricoperti pure? E la durata dei contratti? Cattiverie. Ma i personaggi pubblici possono forse sottrarsi alla limpidezza, negare l'assoluta trasparenza? Siamo convinti che, se si potesse parlare, tutto si risolverebbe in una bolla di sapone. Non ci sarebbe nulla di male a dare spiegazioni. Infatti un presidente che ha evidenti legami con un'azienda, non può che immaginare che, se la figlia ne diventa dipendente, a qualche anima in pena potrebbe scattare il tarlo del dubbio e domandarsi se tale nuovo rapporto di collaborazione nasca dal profondo del cuore o dal profondo della competenza o sia in qualche modo sgorgato da fatti contingenti.

Di certo non è così, la competenza e il curriculum avranno guidato le scelte dell'azienda Iren. Ma tant'è siamo in silenzio stampa ed è difficile in queste occasioni ottenere anche solo dei no incomprensibili. La speranza-certezza che tutto sia alla luce del sole rimane, la fiducia nelle istituzioni idem, così come l'opportunità che si faccia la dovuta chiarezza sul tema. Di questo siamo certi".

Associazione Gestione Corretta Rifiuti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento