Filomena ha lottato disperatamente graffiando il suo aggressore

Mentre l'assassino la colpiva con un mortaio la 44enne ha cercato di difendersi

Filomena Cataldi, la 44enne uccisa a colpi di mortaio dall'operaio cinese 36ennee Guelin Fang, che ha confessato l'omicidio in un memoriale scritto che ha consegnato ai Pm Lucia Russo e Francesca Arienti, si è difesa lottando disperatamente contro il suo aggressore. Lo dimostrerebbero i segni di graffi sul corpo di Fang. In attesa dei risultati definiti dell'autopsia, effettuata ieri 27 agosto sul corpo della donna, gli elementi raccolti fino ad ora fanno pensare ad una lotta disperata della 44enne, che ha cercato in tutti i modi di opporsi all'esito drammatico di quel pestaggio mortale. Nel frattempo Fang si trova in isolamento nel carcere di via Burla, nel reparto di media sicurezza ed è guardato a vista, per evitare che compia gesti inconsulti. Nei prossimi giorni verrà probabilmente sottoposto ad una perizia psichiatrica. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Schianto mortale in A1: arrestato il pirata della strada che ha travolto l'auto dei quattro giovani

  • CORONAVIRUS: TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

  • Sbarca a Parma la truffa del finto incidente: "Un giovane si butta sotto l'auto, simulando di essere investito"

  • Tenta una rapina al Centro Torri, poi chiama i carabinieri simulando un'aggressione: denunciato

Torna su
ParmaToday è in caricamento