rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca

Fiumi a secco, gli agricoltori: "Non ci resta che fare la danza della pioggia"

Il livello del Taro è ai minimi termini e le centrali idroelettriche funzionano a singhiozzo.  Elvino Provasi, amministratore di Albatros Energia proprietaria della centrale di Ponte Taro: "E siamo solo a febbraio"

Laghi e fiumi in forte sofferenza, febbraio somiglia tantissimo alla scorsa estate. E in montagna la neve accumulata è poca. Il quadro della situazione nel parmense, e in tutta la Penisola a metà febbraio, è complesso. Le previsioni annunciano il ritorno della pioggia, che però non può bastare: "Servirà solo a riportare le centrali al funzionamento regolare - spiega Elvino Provasi, amministratore di Albatros Energia proprietaria della centrale di Ponte Taro -. Servirebbe un po' di neve perché ci sono anche le falde che dovrebbero essere rigenerate. Serve continuità nella pioggia". Non è solo il fiume Po a essere in grande difficoltà. A Parma, per esempio, il Taro è arrivato ai minimi. "In questi mesi le centrali dovrebbero andare a piena potenza, ma vanno a singhiozzo per la pochissima acqua. C'è una riduzione del 50%, 60% - spiega Provasi - di produzione elettrica e quest'anno la situazione potrebbe essere più grave dell'anno scorso. C'è stata una forte riduzione della produzione idroelettrica già nei mesi scorsi. Calcoliamo che adesso siamo solo a febbraio e la situazione è quella che vediamo". 

Si va verso una nuova ondata di siccità, o meglio un’emergenza siccità in realtà mai finita, con corsi d’acqua che hanno raggiunto uno stato di severità idrica. Il bacino del Po, ad esempio, presenta un deficit del 61%. (Fonte, CIMA Research Foundation). 

L'agricoltura potrebbe essere fortemente condizionata: "In base alla portata idrometrica del fiume Taro, che alimenta le falde, l'acqua che noi usiamo per irrigare i nostri campi non è sufficiente". È molto preoccupato Enrico Saccani, coltivatore diretto. "L'acqua che c'è ora non serve neanche per ripristinare il livello delle falde. Il mio pozzo dovrebbe essere sui 5 metri, adesso e a 9 metri: è un livello che generalmente si raggiunge in agosto con la stagione irrigua già inoltrata. Questo può far capire il pericolo di affrontare questa stagione 2023. I rischi sono quelli di rimanere senz'acqua per irrigare perché poi, non essendoci portata giusta nel fiume, anche i canali di bonifica non riescono a svolgere la loro funzione perché bisogna lasciare il minimo deflusso vitale del fiume. Non può esserci l’acqua nei pozzi". Uno scenario complesso, che però si era verificato già vent'anni fa: "Sì - spiega Saccani - solo che all'epoca ci trovavamo in estate. Ora siamo a febbraio. Nel 2003 abbiamo avuto una super estate siccitosa e, alla fine della stagione i pozzi vicini si erano asciugati. Era un continuo attaccarsi ai pozzi per due gocce d'acqua. Adesso pare non ci sia soluzione, se non fare la danza della pioggia". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiumi a secco, gli agricoltori: "Non ci resta che fare la danza della pioggia"

ParmaToday è in caricamento