Infanzia, piazza affollata per il flash mob: 'Rivedere la legge 1044'

Grande partecipazione al flash mob organizzato dal Comune che si è svolto in contemporanea in mille pizza d'Italia. Si chiede una legge 0/6 anni che sancisca la continuità educativa e la collocazione del nido d'infanzia nel Ministero dell'Istruzione

Oggi, alle 10.44 in punto, in 1.044 piazze italiane si è svolta una gioiosa e colorata manifestazione per chiedere la revisione della legge 1044, che risale agli anni settanta e non tutela – come oggi sarebbe necessario – i diritti dei bambini ad avere la possibilità di accedere ai servizi educativi della prima infanzia, da zero a sei anni. In tanti, operatori e genitori con i loro bambini, hanno accolto l’appello del Comune per sollecitare lo Stato ad occuparsi di un problema sempre più sentito, dando vita ad un incontro “colorato”, allegro e di gioco per grandi e piccini.

“Il coordinamento nazionale nidi e materne – fa notare il vicesindaco Nicoletta Paci – ci ha chiesto di collaborare ad organizzare questa manifestazione, e i nostri servizi educativi se ne sono fatti carico direttamente. La partecipazione registratata dimostra quanto questo problema sia sentito dai cittadini e dal mondo della scuola. Chiediamo che il Ministero della Pubblica Istruzione prenda in carico tutta l’attività educativa di nidi e scuole dell’infanzia, al fine di garantire l’accesso ai servizi e la continuità didattica nella fascia zero-sei. Comunque - insiste Paci - serve almeno una deroga al patto di stabilità per consentirci di investire nei servizi educativi per l’infanzia, garantendone la copertura economica. La capacità di sviluppare le intelligenze e le personalità dei propri cittadini è la ricchezza di un paese: iniziare dai più piccoli significa investire sul futuro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Coordinamento avanza richieste precise: una legge 0/6 anni che sancisca la continuità educativa; la collocazione del nido d’infanzia nel Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; la deroga dal patto di stabilità per il mantenimento e per lo sviluppo dei servizi per la prima infanzia e un adeguato piano di finanziamento, almeno quinquennale, della legge. Il messaggio è arrivato forte e chiaro, anche da Parma: ora tocca al Governo, anche se in tempi difficili, fare una scelta che scommetta sul futuro dei nostri bambini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento