Fondazione Bagnaresi: danneggiato il cantiere per la nuova sede

Il cantiere per la costruzione della nuova sede della Fondazione Matteo Bagnaresi, attivo da qualche giorno in via Saragat è stato danneggiato da ignoti. I Boys: "Vogliamo semplicemente ricordare ai "topi da cantiere", chiunque essi siano, che noi non tolleriamo più gesti come questi"

Il cantiere per la costruzione della nuova sede della Fondazione Matteo Bagnaresi, attivo da qualche giorno in via Saragat è stato danneggiato da ignoti che si sarebbero introdotti nella notte all'interno della struttura, provocando così danni economici al cantiere appena avviato e alla Fondazione Bagnaresi, nata dai genitori di Matteo Bagnaresi, l'ultras del Parma morto il 30 marzo 2008, investito da un pullman della Juventus. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Questa volta ‘usciamo pubblicamente’ -scrivono i Boys Parma 1977- per una faccenda che al contempo ci rattrista e ci riempie di rabbia. Avevamo pensato di scrivere qualche riga per informare tutti quanti che finalmente i lavori per la costruzione della nuova sede della Fondazione Bagnaresi sono iniziati, ed invece ci troviamo costretti a scrivere per esprimere la nostra solidarietà a Bruno e Cristina. Difatti mercoledì scorso sono partiti i lavori, e qualche furbetto ha pensato poi di intrufolarsi nottetempo nel cantiere e distruggere tutto il lavoro appena iniziato, danneggiando economicamente la Fondazione. Inutile soffermarci sull'infamità del gesto, che si qualifica da solo, e ricorda purtroppo un altro gesto molto vile, quando rubarono dal Petitot lo striscione che Noi avevamo dedicato al Bagna pochi giorni dopo l'incidente. Ecco vogliamo semplicemente ricordare ai "topi da cantiere", chiunque essi siano, che noi non tolleriamo più gesti come questi, e che la notte si possono fare anche brutti incontri. A buon intenditor, poche parole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

Torna su
ParmaToday è in caricamento