Bizzozzero, nella fontana non c'è più acqua. "Il ripristino del servizio ha un costo irrisorio"

L'acqua è poca e la papera non galleggia. O meglio: i soldi non ci sono e le fontane pubbliche del Bizzozzero sono a secco. L'assessore Folli: "Ci impegnamo a ripristinare il servizio"

L'acqua è poca e la papera non galleggia. O meglio: i soldi non ci sono e i rubinetti della fontana pubblica del Bizzozzero sono a secco. Da più di un mese i cittadini segnalano il problema, ma solo oggi è arrivata una risposta dall'assessore all'ambiente, Gabriele Folli: "Ci impegnamo a ripristinare nel breve periodo il servizio, molto apprezzato dalla cittadinanza che vedeva, nei momenti di picco, l’erogazione di circa 2.000 litri di acqua al giorno”.

Intanto il servizio è sospeso e le polemiche aumentano. "È una cosa brutta - commenta il consigliere di Parma Unita, Roberto Ghiretti - perché poteva e doveva essere risolta già a partire dalle segnalazioni che avevo fornito nei giorni scorsi. Il costo era irrisorio e il Comune non può trincerarsi sempre dietro i problemi di bilancio: si tratta di un gesto di principio e Parma merita il ripristino del servizio. Lo meritano le persone e la città intera, che con piccole cose può ritrovare una speranza per il futuro. Spero che Pizzarotti lo capisca perché, diversamente, sarebbe una sconfitta per tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

  • Le contraddizioni del decreto: zona arancione con più limitazioni della zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento