Cronaca

Rapporti sessuali forzati con un paziente: arrestato neurologo

Un medico neurologo è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri della Compagnia di Fidenza. Sorpreso dalle telecamere nascosto ha abusato per 5 volte di un uomo colpito da un ictus. Ora si trova nel carcere di via Burla

Un medico neurologo è stato arrestato in flagranza dai carabinieri della Compagnia di Fidenza per violenza sessuale nei confronti di un suo paziente. Si tratta di un uomo che era ricoverato in un rinomato centro di riabilitazione neurologica, il 'Cardinal Ferrari' di Fontanellato. La struttura, hanno precisato i militari, non è assolutamente coinvolta nelle vicenda.

Il paziente è un uomo ricoverato nel centro da circa un mese per terapie riabilitative, dopo un ictus che gli ha limitato i movimenti. Ad incastrare il medico le immagini di un impianto di videoregistrazione installato dagli investigatori dell'Arma dopo la denuncia del paziente. L'arresto è avvenuto venerdì scorso, ma se ne è avuta notizia oggi. Oggi c'é stato l'interrogatorio di convalida davanti al Gip. Il giudice ha deciso che il medico resti in carcere. Si indaga ancora per capire se ci sono state altre vittime.

Avrebbe approfittato più volte della sua disabilità, dell'impossibilità di muovere gambe e braccia, per abusare di lui nella camera dell'ospedale dove era ricoverato. Vittima un paziente del centro di riabilitazione neurologica "Cardinal Ferrari" di Fontanellato, centro della provincia di Parma; l'arrestato, con l'accusa di violenza sessuale, è invece un medico neurologo trentenne assunto da poche settimane nella stessa struttura sanitaria.

L'uomo, un operaio del sud Italia colpito da ictus e ricoverato nella struttura da circa un mese, ha avuto alla fine il coraggio, dopo il ripetersi degli episodi, di raccontare tutto ai familiari che subito si sono rivolti ai Carabinieri. Installate delle videocamere nascoste nella stanza d'ospedale, collegate direttamente con la caserma, i militari hanno ripreso il medico mentre abusava ancora del proprio paziente e sono immediatamente intervenuti arrestando il neurologo in flagranza di reato.

Le riprese effettuate dopo l'autorizzazione della Procura della Repubblica di Parma hanno confermato il racconto della vittima. Il medico, durante i controlli di routine, iniziava con una visita all'addome che finiva con atti sessuali. Tutto questo nonostante le proteste della vittima che non poteva reagire viste la gravissima disabilità agli arti provocata dall'ictus. Le violenze si erano ripetute cinque volte e grazie alle insistenze dei familiari alla fine l'uomo ha avuto il coraggio di superare la vergogna e di confessare gli abusi. Gli episodi sono avvenuti quando il medico restava solo in camera e, stando alle indagini, nessuno degli altri dipendenti della struttura sanitaria, tantomeno la direzione, è coinvolta nella vicenda. "Siamo sconvolti per i fatti accaduti - ha commentato in una nota Simona Lombardi, direttrice del centro fontanellatese - Il Centro Cardinal Ferrari è parte lesa in questa orribile vicenda.

Appena venuti a conoscenza dell'inchiesta ci siamo messi a disposizione della magistratura e della famiglia del paziente vittima di abusi e abbiamo attivato subito tutte le procedure disciplinari per l'allontanamento del medico dal servizio. Il medico era nello staff da poco tempo, una persona all'apparenza insospettabile, con un buon curriculum professionale, e in regola con le verifiche del casellario giudiziale, che eseguiamo per le assunzioni del personale. Durante il periodo di servizio non ci erano arrivate segnalazioni di comportamenti anomali". Il medico neurologo è ora nel carcere di Parma, questa mattina si è tenuto l'interrogatorio di convalida ed il giudice ne ha disposto la permanenza in carcere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapporti sessuali forzati con un paziente: arrestato neurologo

ParmaToday è in caricamento