Fontevivo, sgomberato il campo nomadi Fiazza: "Devono rispettare leggi e regolamenti"

​“Chi viene nel nostro Comune è bene accetto purché rispetti leggi e regolamenti e soprattutto le basilari norme igieniche. Per questo, insieme agli agenti della Polizia municipale ho invitato i nomadi che di fatto si erano insediati accanto a un'area artigianale di Fontevivo"

​“Chi viene nel nostro Comune è bene accetto purché rispetti leggi e regolamenti e soprattutto le basilari norme igieniche. Per questo, insieme agli agenti della Polizia municipale ho invitato i nomadi che di fatto si erano insediati accanto a un'area artigianale di Fontevivo, a liberare immediatamente la zona nel rispetto dell’ordinanza che vieta la sosta per roulotte, caravan e camper nei parcheggi del territorio comunale di Fontevivo”.

Così Tommaso Fiazza, primo cittadino di Fontevivo, commenta lo sgombero di quello che stava per tramutarsi in un campo nomadi abusivo. In forza del suo ruolo di ufficiale di Governo – competente in materia di ordine, sicurezza, sanità e igiene pubblica – il Sindaco ha infatti evidenziato che nel territorio comunale non vi sono aree pubbliche attrezzate per il soggiorno stabile  o il campeggio. Pertanto, in risposta alle numerose richieste di intervento dei cittadini e per prevenire rischi derivanti da precarie condizioni igienico-sanitarie, dovute ad abbandono di rifiuti e all’uso delle aree aperte per bisogni fisiologici in assenza di servizi igienici, ha stabilito di intervenire per impedire in modo permanente la sosta di tali mezzi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta del rispetto delle più elementari norme di igiene e della prevenzione di seri pericoli per la salute pubblica – ha aggiunto il sindaco Fiazza –. Contrariamente alla situazione nel Comune di Fontanellato, da noi non è presente un’area attrezzata per la sosta e il pernottamento, con aree di scarico per smaltire i residui delle evacuazioni fisiologiche, servizi igienici e di fornitura dell’acqua. Inoltre, l'eventuale occupazione di tali aree non consentirebbe la fruibilità dei parcheggi per gli autoveicoli dei cittadini”. L’ordinanza comprende, oltre al divieto di sosta finalizzata al pernottamento o al campeggio, anche il divieto di scarico dei residui organici e delle acque chiare e luride. Le violazioni saranno sanzionate dagli agenti preposti e i responsabili avranno l’obbligo di rimuovere immediatamente le attrezzature.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento