Fontevivo, il sindaco leghista regala alle donne lo spray al peperoncino

Il Prefetto Forlani ha polemizzato con l'iniziativa di Tommaso Fiazza, sindaco del paese del parmense, che replica: "E ci tengo a precisare che noi non invitiamo nessuna donna alla violenza o all'uso improprio, ma vogliamo solo fornire uno strumento di difesa personale"

Lo spray al peperoncino regalato dal sindaco alle donne

“Apprendo che il Prefetto Forlani ha affermato, nell’ambito di un convengo sulla sicurezza del sesso femminile, che non vede l’utilità dello spray al peperoncino che la nostra amministrazione ha deciso di donare alle donne in occasione della loro festa”. 

Tommaso Fiazza, sindaco di Fontevivo, mercoledì mattina ha risposto in diretta alle domande di Sara Mariani per la trasmissione televisiva Agorà, su Rai Tre, proprio a proposito delle bombolette spray al peperoncino, spiegando come l'idea "è nata da una reale esigenza di sicurezza, ed è stata inserita in un contesto di investimenti nella videosorveglianza e in altre misure di tutela della cittadinanza", poi ha affondato il colpo e replicato al Prefetto di Parma.

“Prendo atto con piacere che i reati nel capoluogo siano in calo, ma è grave che oltre la metà delle donne intervistate abbia paura ad uscire di casa. Sarebbe meglio che anziché autoincensarsi si preoccupasse di loro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E sulle parole espresse da Forlani, che ha commentato in modo poco lusinghiero l’idea dell’amministrazione fontevivese di donare a tutte le donne, anziché una mimosa, una bomboletta spray al peperoncino, Fiazza ha le idee chiare: “E’ naturale che le bombolette sono a norma di legge, non vedo come si possa solo pensare il contrario. E ci tengo a precisare che noi non invitiamo nessuna donna alla violenza o all’uso improprio, ma vogliamo solo fornire uno strumento di difesa personale. Invito il signor Prefetto a valutare di proporre l’idea anche a Parma e negli altri comuni, anziché denigrarla”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento