Ponte Antria, frana a 80 metri. Domani sopralluogo della Provincia

L'obiettivo dell'ente è quello di controllare l'evoluzione della frana che da Capriglio è scesa fin nelle vicinanze del ponte sulla Bardea. Le piante del sottobosco sono state tagliate per sicurezza

Sarà effettuato domani mattina giovedì’ 13 giugno dalle 9,30 il sopralluogo a Ponte Antria organizzato dalla Provincia. L’obiettivo dell’ente è quello di controllare l’evoluzione della frana che da Capriglio è scesa fin nelle vicinanze del ponte sulla Bardea, punto molto delicato per il transito sulla Massese. Dall’inizio di maggio, cioè da quando la colata è arrivata nell’alveo del torrente, è continuato il monitoraggio della Provincia nella zona del ponte che si trova sul confine dei comuni di Tizzano e Palanzano.

La frana ora dista una ottantina di metri dalle arcate del ponte, si è alzato il suo livello in particolare il fronte sinistro. Sulla base di quanto detto dai geologi incaricati dal Dipartimento nazionale di Protezione Civile, la Provincia ha eseguito nelle scorse settimane un intervento preventivo. Sono state tagliate le piante del sottobosco che ingombravano l’alveo e con un escavatore se sono eseguite tracce per incanalare l’acqua in modo da favorirne il deflusso senza ristagnare e creare grandi pozze. Al sopralluogo parteciperanno gli assessori Andrea Fellini (Viabilità) e Ugo Danni (Infrastrutture), il dirigente del Servizio Ambiente Gabriele Alifraco con i tecnici incaricati.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I cinque migliori ristoranti per la pausa pranzo a Parma

  • Macellaio 'infedele' cambia le etichette sulla carne per pagare meno: 35enne denunciato per furto

  • Si schianta in moto contro un muretto di fronte alla Metro: muore 40enne

  • Lavoro nero e scarse condizioni igieniche: i Nas chiudono un ristorante

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Maxi blitz contro la 'chiesa' con il culto di Gesù Bambino di Gallinaro: perquisizioni a Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento