menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frana di Valmozzola: si lavora per evitare la chiusura della provinciale

L'assessore Fellini: "Il movimento franoso è aumentato di molto in queste ultime ore sia per velocità che per consistenza e i mezzi che stanno operando faticano sempre di più a far fronte alla discesa del fango"

Peggiora la situazione della frana che si è staccata venerdì scorso a circa 3 chilometri dalla provinciale 308R di Fondovalle, nel vallone del rio Delle Marne, in corrispondenza di una vecchia cava di talco. I tecnici della Provincia, insieme all’impresa esterna impegnata nell’intervento, lavorano in queste ore a ritmo serrato per evitare la chiusura della provinciale, sempre più minacciata dal fango. Questa mattina si è svolto anche un sopralluogo del dirigente del Servizio Viabilità della Provincia Ermes Mari e di Gianfranco Larini del Servizio Tecnico di Bacino per trovare una soluzione al problema. In particolare, dal sopralluogo è emersa la necessità, e per questo si sta già provvedendo, di abbattere parte della briglia a valle del ponte, così da consentire di operare sotto il ponte e di rimuovere il fango.

Il movimento franoso è aumentato considerevolmente in queste ultime ore sia per velocità che per consistenza e i mezzi che stanno operando faticano sempre di più a far fronte alla discesa del fango, con l’obiettivo di evitare la completa chiusura della luce del ponte e che il materiale si riversi sulla sede stradale  – spiega l’assessore provinciale alla Viabilità Andrea Fellini -. I lavori continueranno per tutta la notte e saranno presidiati anche dai volontari della Protezione civile. La Provincia si è anche attivata per rendere transitabile la strada alternativa nel caso non si riuscisse a evitare la chiusura della Fondovalle. In questo modo si ridurranno il più possibile i disagi per i cittadini”.

Il percorso alternativo (sul quale si transiterebbe nel caso di chiusura della Fondovalle) è costituito dalla strada comunale di Berceto, ex provinciale 523. La zona, in cui la viabilità è pericolosa, è segnalata con idonea cartellonistica e impianti lampeggianti, oltre a una torre faro: si raccomanda grande prudenza agli automobilisti che devono transitare in quel tratto, anche vista la presenza di mezzi in movimento e del personale che sta lavorando a bordo strada.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 5 morti e 52 nuovi casi

  • Cronaca

    Coronavirus. Nessuna zona "rosso scuro" per l'Emilia-Romagna

  • Sport

    Dal lockdown non sai più vincere: Parma, che ti è successo?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento