Calestano, tre movimenti franosi sulla Sp 15

Tre i movimenti franosi, uno in località Pioppone, uno verso Calestano, il terzo in località Gallignana. Garantito il transito a senso unico alternato da e per Calestano. Continuano i lavori, in carico alla Provincia, ma finanziati dalla Regione

La Provincia – Servizio Viabilità comunica che proseguono i lavori sulla SP 15 di Calestano per drenare le acque allo scopo di salvaguardare parte della carreggiata ancora transitabile. Ciò permette di garantire il transito, pur a senso unico alternato, per e da Calestano. Sono tre i movimenti franosi che interessano la SP 15 in prossimità di Marzolara.

Il più consistente si trova in località Pioppone, a sud di Marzolara, dove la mancanza di un reticolo di scolo delle acque superficiali ha determinato ristagni di acqua, scivolamenti dei terreni e spostamenti delle opere di sostegno della massicciata stradale. La situazione è stata poi aggravata dall’erosione del piede del versante ad opera del Torrente Baganza. 

I rilievi effettuati dal Servizio di Protezione Civile della Provincia di Parma hanno fatto constatare che negli ultimi giorni l’abbassamento del versante interessato verso il Torrente Baganza è stato dell’ordine dei 20 centimetri. Gli interventi attuati hanno compreso l’apertura di canali e l’allargamento, per quanto possibile, della carreggiata verso monte al fine di favorire il passaggio dei mezzi pesanti. Nella giornata di oggi termineranno i sondaggi geotecnici propedeutici agli interventi ingegneristici per frenare il movimento franoso, raccogliere le acque di versante e realizzare opere strutturali di sostegno della massicciata stradale crollata. Il Servizio Tecnico di Bacino degli Affluenti del Po sta continuando a lavorare nel Baganza per deviare la corrente e proteggere il piede del versante.

Il secondo movimento franoso si trova in località Gallignana, dove un manufatto in calcestruzzo, a causa della spinta del terreno, si è inclinato verso valle e necessita di interventi strutturali. Il terzo movimento erosivo si trova dopo la località Pioppone in direzione di Calestano e presenta una criticità minore. Tuttavia va bloccato in tempi rapidi per evitare un’evoluzione del fenomeno che potrebbe comportare il cedimento della carreggiata nell’alveo del Baganza. Il Consigliere provinciale Delegato alla Viabilità Gianpaolo Serpagli ha concordato con l’assessore regionale Gazzolo e il direttore del Dipartimento di Protezione civile Mainetti che la Provincia si farà carico della redazione del progetto e del proseguimento dei lavori sulla frana di Pioppone, ma la Regione coprirà l’intero costo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Gervinho, lesione di primo grado: ecco i tempi di recupero

  • Usò il collare elettrico fino a provocare la morte del cane: condannato allevatore 47enne di Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento