rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca

Frode fiscale da 25 milioni di euro tra l'Italia e l'Est Europa, 12 arresti: perquisizioni a Parma

Secondo l'accusa una società di Padova, con l'uso di società "cartiere", produceva fatture false e le rimborsava in contanti evadendo l'Iva

La guardia di finanza di Padova, nell'ambito dell'operazione "Scarica barile", all'alba di mercoledì ha arrestato dodici persone e avviato un sequestro per 8,5 milioni di euro su disposizione del tribunale di Padova. Le Fiamme Gialle hanno effettuato perquisizioni anche a Parma. I provvedimenti sono stati eseguiti nei confronti di un'associazione a delinquere colpevole di frode fiscale e riciclaggio tramite l'emissione di fatture false per 25 milioni di euro e l'evasione dell'Iva per almeno 5 milioni.

I numeri
Dodici arresti, 45 indagati, 100 perquisizioni e 42 società coinvolte. Questi i numeri dell'operazione. Le misure cautelari sono state eseguite in Veneto, Liguria, Lombardia, Trentino Alto Adige, Puglia, Campania, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Oltre 250 i militari impiegati in 15 province oltre che in Croazia, Slovenia e Slovacchia. Al centro dell'inchiesta un'associazione a delinquere finalizzata alle frodi fiscali e al riciclaggio, con il coinvolgimento di 42 società nel settore della prevenzione antincendio e antinfortunistica, i cui proventi sono stati trasferiti nei tre paesi dell'Est.

I vertici
Secondo l'accisa cupola dell'organizzazione il 60enne padovano G.M, il 59enne vicentino L.S. e il 47enne chioggiotto R.C. tutti direttori d'azienda. Agivano con la complicità di Dario Dozzi, contabile veneziano 47enne, e degli imprenditori Massimo De Silvestro e Ra Sfriso, veneziani di 50 e 41 anni, e Pietro Papes, vicentino 55enne. Perno della frode era la MG Group Srl con sede a Padova in via della Navigazione Interna, specializzata nella prevenzione antincendio e antinfortunistica, diretta dal Mingardo in qualità di direttore tecnico. La MG dal 2012 si è servita di varie società "cartiera" per emettere fatture false, evadendo l'Iva e traendo un guadagno illecito che veniva poi trasferito su conti esteri, riciclato e reintrodotto in Italia per l'acquisto di beni di lusso.

Il funzionamento
Le varie società "cartiera", che operavano per pochi mesi e venivano poi sostituite, emettevano a nome di altre società (vere e compiacenti tra cui MG) fatture false che attestavano servizi mai realizzati. La "cartiera" vendeva dunque un servizio fantasma, emettendo una fattura finta che (con l'aiuto del Dozzi) veniva però messa a bilancio permettendo di detrarne i costi fiscali. La beneficiaria, per coprire la frode, pagava poi regolarmente la fattura falsa alla "cartiera" che a sua volta la rimborsava in contanti trattenendo il netto del guadagno ottenuto evadendo l'Iva.

Il guadagno "nero" e il riciclaggio
MG Group si serviva quindi di tali società "cartiere" per emettere fatture false (per 25 milioni di euro) e a sua volta ne emetteva nei confronti di altri clienti. Incassati i pagamenti delle fatture fittizie, il ricavato netto (almeno 5 milioni) ottenuto evadendo l'Iva veniva trasferito su tre società estere con sede in Croazia, Slovacchia e Slovenia gestite dagli indagati. Somme che venivano poi riciclate e riportate in Italia, reinvestite in società immobiliari e beni di lusso come barche e Ferrari ora sotto sequestro.

Le accuse
Gli indagati sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere, riciclaggio, autoriciclaggio e frode fiscale. I loro traffici sono stati sventati grazie a un capillare lavoro di intercettazione, con l'installazione di microspie all'interno della MG che hanno documentato il rimborso del denaro in contante dopo il pagamento delle fatture false

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frode fiscale da 25 milioni di euro tra l'Italia e l'Est Europa, 12 arresti: perquisizioni a Parma

ParmaToday è in caricamento