menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavoratori Froneri in corteo contro la chiusura: "Ridateci il lavoro"

La manifestazione è stata indetta contro l'annunciata chiusura dell'ex-Nestlè: lungo serpentone che è giunto in Prefettura. Giovedì 12 ottobre il Tavolo Istituzionale in Regione

Grande manifestazione dei lavoratori della Froneri, ex-Nestlè, contro l'annunciata chiusura dello stabilimento di Parma. La manifestazione, che ha visto la partecipazione di tanti lavoratori e lavoratrici, si è snodato in centro, passando anche per via d'Azeglio, che è stata 'invasa' dagli striscioni e dai cori dei lavoratori, il cui contributo all'azienda verrà cancellato con la chiusura. Il Prefetto si è detto disponibile ad affrontare la questione mentre il sindaco Pizzarotti ha ribadito che impedirà qualsiasi variazione della destinazione d'uso dell'area. Giovedì 12 ottobre si terrà il Tavolo istituzionale presso la sede della Regione Emilia-Romagna

"La grande partecipazione dei lavoratori Froneri -si legge in una nota delle segreterie provinciali Fai, Flai e Uila - dei delegati sindacali di tutto l’agroalimentare parmense, la solidarietà ricevuta da istituzioni, forze politiche, altre categorie di lavoratori, pensionati, operai Perugina, delegati sindacali da province vicine, la vicinanza di tutta Parma dimostra che siamo nel giusto.

Dimostra che non si possono cancellare 60 anni di storia senza rendere conto a nessuno, non si può insistere su chiusure e licenziamenti senza vagliare soluzioni alternative. Il Prefetto Giuseppe Forlani ha assicurato l’interessamento alla vertenza e l’informativa al Governo. Il sindaco Federico Pizzarotti ha ribadito che col consenso unanime di tutto il Consiglio Comunale impedirà qualsiasi variazione d’uso dell’area. I lavoratori hanno dimostrato di non volersi arrendere e noi con loro.

In merito al verbale sottoscritto a fine luglio in cui l’azienda smentiva ogni ipotesi di chiusura, abbiamo dato mandato ai nostri legali di valutare la possibile sussistenza del reato penale di truffa. Vogliamo vere relazioni industriali. Vogliamo una trattativa aperta che contempli alternative alla chiusura e ai licenziamenti. Il prossimo appuntamento è giovedì 12 ottobre col Tavolo istituzionale convocato dalla Regione presso il Municipio di Parma". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Attualità

    Crolla il controsoffitto: Duc allagato

  • Attualità

    Scuola Bottego, piano allagato: gli alunni tornano a casa

  • Cronaca

    Covid: 125 nuovi contagi e un morto

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento