rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca

Ruba nell'auto di un 20enne e lo accoltella, poi prende a calci poliziotti e medici del pronto soccorso: arrestato 24enne

L'episodio è avvenuto in via Marmolada. Il cittadino egiziano, irregolare sul territorio italiano e senza fissa dimora, è stato bloccato e portato in carcere

Prima ha tentato di rubare all'interno dell'auto di un giovane 20enne, titolare di un negozio di macelleria della zona di via Marmolada a Parma. Poi, quando il ragazzo si è accorto del furto, avvisato da alcuni clienti, lo ha accoltellato al braccio ed è scappato. I poliziotti, arrivati sul posto dopo pochi istanti dalla chiamata, lo hanno bloccato. A quel punto il 24enne egiziano, poi arrestato con le accuse di rapina impropria aggravata, resistenza a pubblico ufficiale e porto di oggetti atti ad offendere, ha preso a calci, pugni e testate gli agenti.

In tasca aveva alcuni oggetti rubati all'interno dell'auto e una banconota da 50 euro. Accompagnato al pronto soccorso, visto che aveva una ferita alla mano, ha continuato a dimenarsi, prendendo a calci anchi i sanitari intervenuti per curarlo e i medici dell'Ospedale Maggiore. I poliziotti della Scientifica, arrivati al pronto soccorso, lo hanno identificato: si tratta di un giovane 24enne egiziano senza permesso di soggiorno e privo di domicilio e residenza. 

Nel primo pomeriggio di ieri, martedì 9 agosto, infatti, i poliziotti sono intervenuti in Via Marmolada a seguito di una richiesta di intervento da parte di un uomo che riferiva di aver sorpreso un giovane intento a rubare a bordo della propria auto e che, vistosi scoperto, quest’ultimo lo aveva aggredito e ferito con un coltello. Gli equipaggi, giunti in pochissimi istanti sul posto, hanno preso immediatamente contatti con il richiedente, un 20enne italiano titolare di una macelleria musulmana il quale ha riferito che, mentre si trovava all’interno del negozio, era stato avvisato da due clienti che, all’interno della sua autovettura parcheggiata nei pressi della macelleria, vi era un uomo di origine nord africana intento a rovistare.

Raggiunta la propria autovettura, il 20enne ha notato effettivamente la presenza di un uomo all’interno, con in mano una banconota da 50 euro appena presa dal portaoggetti. Il soggetto, vistosi scoperto, si è allontanato frettolosamente dicendo di non aver prelevato nulla e, allo scopo di guadagnarsi la fuga, ha estratto dalla tasca un coltello a serramanico colpendo il giovane al braccio.

Gli agenti hanno rintracciato l’uomo – cittadino extracomunitario – ancora sul posto, lo hanno bloccato e preso in custodia. Anche in presenza dei poliziotti l’uomo ha continuato a dimenarsi per cercare di scappare. Inoltre non ha collaborato e si è rifiutato di mostrare il contenuto delle tasche. Dopodichè ha iniziato a colpire i poliziotti con calci, pugni e testate, rifiutandosi di fornire le proprie generalità.

L’uomo, sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso un paio di cuffie marca Apple e del relativo astuccio, che la vittima ha riconosciuto come proprie. Inoltre, nei pressi dell’autovettura, è stata trovata la banconota da 50 euro, che l’uomo aveva preso dal portaoggetti. Poiché presentava una ferita alla mano l'aggressore è stato accompagnato in pronto soccorso per ricevere le cure del caso.

Anche nei locali del pronto soccorso, in presenza di tutto il personale sanitario, l'uomo ha continuato a manifestare il suo stato di escandescenza, colpendo i presenti con violenti calci anche mentre si trovava disteso sulla barella. Direttamente nei locali dell'ospedale è intervenuto anche il personale del locale Gabinetto di Polizia Scientifica, allo scopo di poterlo identificare compiutamente attraverso la raccolta delle impronte digitali. Il riscontro ottenuto dalla banca dati in uso alla Polizia di Stato ha indicato che l'uomo, sprovvisto di qualsiasi documento di identità, risultava essere un 24 enne egiziano, privo di residenza o domicilio, irregolare sul territorio nazionale e, in particolare, mai titolare del permesso di soggiorno.

Al termine delle attività di indagine il 24enne egiziano è stato tratto in arresto per il reato di rapina impropria aggravata. Dell’arresto è stata data immediata notizia all’Autorità Giudiziaria che ha disposto che l’uomo venisse tradotto in carcere. Lo stesso, inoltre, è stato deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per il reato di porto abusivo di oggetti atti ad offendere e resistenza a Pubblico ufficiale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba nell'auto di un 20enne e lo accoltella, poi prende a calci poliziotti e medici del pronto soccorso: arrestato 24enne

ParmaToday è in caricamento