menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli rubano l'I-Phone e chiedono 50 euro per restituirlo: 18enne arrestato per estorsione

Un giovane della Costa d'Avorio ha denunciato il furto del suo cellulare da parte di alcuni giovani che si trovavano con lui in stazione a Parma: la Polfer è intervenuta in occasione dello scambio tra denaro e telefono ed ha arrestato il responsabile del furto

Il 10 giugno 2015, un diciannovenne originario della Costa D’Avorio si è presentato presso gli uffici della Polizia Ferroviaria di Parma per segnalare di aver subito il furto del proprio telefono cellulare marca Apple, modello I-Phone, avvenuto alle ore 17.30 circa del precedente giorno 09 giugno.2015 all’interno della stazione ferroviaria di Parma. Il giovane, nel descrivere i fatti, ha indicato con esattezza le circostanze luogo temporali del reato, in particolare che, mentre si trovava all’interno della stazione in compagnia di alcuni conoscenti coetanei, si era allontanato momentaneamente dal luogo al fine di effettuare alcuni acquisti in una rivendita in stazione lasciando sul posto il proprio marsupio incustodito sebbene nelle vicinanze dei giovani stessi, verificando al suo ritorno il furto dell’apparecchio in questione. 

Così a seguito di denuncia, sono state immediatamente avviate delle indagini che, soprattutto grazie all’acquisizione delle registrazioni del sistema di video sorveglianza della stazione, hanno permesso agli agenti di visualizzare l’intera sequenza relativa all’appropriazione del marsupio e del successivo furto del cellulare, azione che, purtroppo, risultava essere stata compiuta dai conoscenti della giovane vittima. In attesa di completare gli accertamenti finalizzati all’esatta identificazione di tali soggetti, dei quali il derubato conosceva solo alcuni elementi anagrafici, soggetti comunque già noti agli agenti per precedenti controlli effettuati in giurisdizione, si è proceduto a contattare la vittima al fine di visionare alcune foto segnaletiche dei sospettati. 

In tale circostanza, il derubato ha inoltre riferito che uno dei giovani che si trovava sul posto al momento dei fatti, a seguito della sua insistenza di ritornare in possesso del proprio “prezioso” apparecchio telefonico, aveva ammesso averlo in disponibilità richiedendo, per la sua restituzione, la somma di 50 euro Inoltre il giovane derubato che, nel riferire incidentalmente agli agenti tale richiesta formulatagli telefonicamente dal conoscente, non si era reso conto della gravità del fatto, aveva immediatamente accettato riferendo al proprio interlocutore di essersi procurato tale somma e di essere disponibile ad incontrarlo per perfezionare tale transazione. 

A tal fine il richiedente si accordava con il ragazzo per incontrarsi nei pressi della stazione ferroviaria per il primo pomeriggio del giorno 17 giugno 2015. All’appuntamento, considerata anche la reale possibilità di recuperare il telefono in argomento, oltre ai due giovani interessati si è quindi presentato personale in abiti civili della Polizia Ferroviaria di Parma e della Squadra di polizia giudiziaria del Compartimento Polizia Ferroviaria dell’Emilia Romagna. In particolare gli agenti hanno seguito a distanza il denunciante il quale una volta uscito dalla propria abitazione, giunto in via Toschi, si è incontrato con un secondo giovane del tutto somigliante a quello visto nelle descritte registrazioni appropriarsi dell’apparecchio. In seguito, notato che il denunciante consegnava una somma di denaro ricevendo in cambio un apparecchio telefonico, gli agenti intervenivano recuperando sia il telefono che la somma in denaro. Dopo aver verificato si trattasse effettivamente dell’apparecchio sottratto, il cellulare è stato restituito all’avente diritto insieme alla somma in denaro di 50,00 euro. Il giovane così identificato, diciottenne, originario della Guinea, è stato quindi tratto in arresto in flagranza di reato per il delitto di estorsione ed associato alla locale Casa Circondariale in attesa di giudizio. Nel frattempo, le indagini portavano anche all’identificazione del secondo responsabile del furto descritto, di origine nigeriana ma cittadino italiano nato e residente a Parma, soggetto che insieme all’arrestato veniva segnalato in stato di libertà alla locale Procura per il delitto di furto aggravato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa dal 1° marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento