menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubavano il gasolio con il furgone modificato: denunciati due 28enni

Avevano preparato tutto con cura, allestendo un furgone Ford Transit bianco con tutto l'occorrente per aspirare gasolio dalle cisterne delle aziende e poi avevano proceduto secondo il piano stabilito

Avevano preparato tutto con cura, allestendo un furgone Ford Transit bianco con tutto l'occorrente per aspirare gasolio dalle cisterne delle aziende e poi avevano proceduto secondo il piano stabilito. Grazie agli agenti della Squadra Mobile, sezione Antirapine di Parma, però il loro piano è naufragato. Secondo la ricostruzione degli inquirenti almeno tre persone partecipavano all'attività criminosa: due sono state individuate e denunciate per ricettazione in concorso, la terza invece è fuggita al momento del fermo.

Durante la serata del 21 agosto infatti due pattuglie della Squadra Mobile hanno intercettato e fermato il furgone sospetto. Una delle due pattuglie lo ha visto all'altezza di Sanguinaro, ha controllato la targa -risultata rubata- e lo ha fermato. La targa era stata rubata all'interno di una concessionaria della provincia di Torino. Anche il furgone era stato rubato la notte del 23 maggio 2014 nella stessa concessionaria ed era ancora da immatricolare. Dopo un breve inseguimento i poliziotti hanno fermato due dei tre occupanti del veicolo, che si erano dati alla fuga: sono stati esplosi anche alcuni colpi di pistola, da parte degli Agenti, a scopo intimidatorio. I due fermati, H.V.V. rumeno di 28 anni e L.A., moldavo di 28 anni, indossavano guanti e passamontagna. 

All'interno del furgone sono state trovate due cisterne di plastica, all'interno delle quali sono stati trovati 200 litri di gasolio agricolo: dentro al veicolo c'era anche una pompa elettrica per carburante collegata a una batteria e vari metri di tubo, attrezzi utilizzati per aspirare gasolio dalle cisterne delle ditte e dagli agricoltori della zona. I 200 litri di gasolio infatti erano stati appena rubati, la sera stessa del 21 agosto, da un'azienda agricola di Sanguinaro. I due fermati, regolari sul territorio italiani, hanno un lavoro stabile ed alcuni precedenti per ricettazione, contrabbando di tabacchi, furto aggravato, falsità materiale commessa da privato e uso di atto falso. I due sono stati indagati in stato di libertà per ricettazione e subito rilasciati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

  • Cronaca

    Covid: a Parma quasi 48 mila vaccinati

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento