Ruba 2 portavasi dallo stand del suo "rivale": arrestato un antiquario

L'uomo, originario di Città di Castello è stato arrestato dai Carabinieri di Parma mentre cercava di appropriarsi di due oggetti in vetro di Murano. Nell'operazione effettuata durante il Mercante in fiera, arrestati anche altri due uomini per tentato furto

L’altra faccia del "Mercante in fiera". I carabinieri di Parma hanno fornito gli esiti dei servizi antirapina e di contrasto ai furti effettuati durante la settimana dedicata all’antiquariato. Tutta la refurtiva è stata ritrovata e riconsegnata ai legittimi proprietari.

TENTATA RAPINA -  Nella notte tra lunedì 4 e martedì 5 una coppia romana è stata rapinata mentre si trovava nel parcheggio di via Cremonese. Verso le ore 20 i due, lei proprietaria di uno stand di gioielli e il suo compagno erano diretti in un ristorante quando, mentre stavano parcheggiando, sono stati derubati da tre malviventi al volante di una Ford Focus. Due di loro hanno aperto il bagagliaio e sono riusciti a prelevare un grosso borsone per poi darsi alla fuga insieme al complice. Tutto nel giro di pochi secondi. Il compagno della donna ha cercato di bloccare i malviventi aggrappandosi al finestrino della Ford Focus. Caduto per terra, l'uomo si è visto passare una ruota dell'auto in fuga sulla mano. Per fortuna ha riportato solo delle ferite lievi. La sua prognosi è di dieci giorni. Una fortuna che invece non ha accompagnato i ladri. Purtroppo per loro nel borsone non c'erano gioielli ma solo dei documenti. Al momento i carabinieri stanno effettuando delle indagini su 3 pregiudicati lombardi ma al momento ancora non si sa nulla.

MANCATO FURTOEra riuscito a rubare due portavasi antichi proprio dallo stand vicino al suo. L’uomo, un antiquario classe ’45, originario di Città di Castello è stato arrestato dai carabinieri proprio poche ore dopo il furto.

Nella giornata di martedì, l’uomo, anche lui proprietario di uno stand, ha approfittato di un attimo di distrazione della vittima per appropriarsi illegalmente di 2 portavasi di grande valore firmati Barovier & Toso (una importante azienda vetraria di Murano). Il venditore distratto, originario di Reggio Emilia si è accorto subito del furto e ha avvisato le forze dell’ordine che, grazie ai video di sorveglianza e alle testimonianze raccolte sono risaliti facilmente all’autore del furto che nel frattempo aveva nascosto il bottino nel furgone della sua auto. L’uomo è stato denunciato per furto aggravato.

Nella giornata di lunedì sono stati denunciati per furto anche due algerini, un 30enne residente in Francia e un 38enne residente a Cesena, ai danni di una ragazza rumena, residente a Udine e proprietaria di uno stand di antiquariato. I due agivano in coppia. Uno distraeva e l’altro tentava di portarle via il portafoglio dal cappotto. La donna ha dato subito l’allarme. I due malviventi si sono dati alla fuga ma i carabinieri sono comunque riusciti a fermarli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Nuovo Dpcm entro il 9 novembre: stretta sulla attività commerciali e gli spostamenti interregionali

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Parma in controtendenza: pronto soccorso e terapie intensive non sono in emergenza

  • Da Piazza della Pace a Piazza Garibaldi: anche Parma protesta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento