rotate-mobile
Lunedì, 15 Aprile 2024
Cronaca Centro / Via Giuseppe Verdi

Rubavano al mercato: denunciate 2 nomadi. Vendevano cellulari contraffatti

La "spesa" la facevano senza pagare, ma in compenso vendevano a buon mercato telefoni contraffatti: due nomadi, entrambi di origine rumena, sono stati colti sul fatto dagli agenti della Polizia Municipale

La "spesa" la facevano senza pagare, ma in compenso vendevano a buon mercato telefoni contraffatti: due nomadi, entrambi di origine rumena, sono stati colti sul fatto dagli agenti della Polizia Municipale mentre sottraevano da un banco del mercato in via Verdi due paia di scarpe da bambino.

Fermati in flagranza di reato, i due sono stati identificati e accompagnati alla sede del Comando, dopo aver avvertito il magistrato. Indosso avevano anche due telefoni Samsung Galaxy di ultima generazione e 3 I Phone 5 S: peccato, che ad un attento esame siano risultati esclusi dalle banche dati del produttore e che presentassero alcune anomalie rispetto agli originali. Ovviamente non servivano per "chiamare casa", ma venivano proposti agli avventori del mercato a prezzi  ribassati, come ha confermato un ambulante, che ha riconosciuto i due intraprendenti "piazzisti".

Così  M.G., venticinquenne  in stato di gravidanza, e R.I., ventunenne, entrambi provenienti dalla Romania, in Italia senza fissa dimora, sono stati denunciati a piede libero per tentato furto aggravato, ricettazione e tentata vendita di merci contraffatte. I telefoni "taroccati" sono stati ovviamente sequestrati.

L'operazione è stata condotta dagli agenti della Polizia Municipale di Parma che, avvalendosi della collaborazione degli ambulanti, il mercoledì e il sabato presidiano il mercato in borghese, per prevenire i borseggi e sanzionare l'abusivismo commerciale. La loro presenza, come hanno potuto constatare gli stessi operatori del mercato, riduce comunque notevolmente gli episodi di piccola criminalità. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubavano al mercato: denunciate 2 nomadi. Vendevano cellulari contraffatti

ParmaToday è in caricamento