menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ladri forzano le porte e si introducono in quattro stanze dell'Ospedale Maggiore

Non è stato rubato alcun strumento, apparecchiatura od oggetto di valore, fatta eccezione per un vecchio portatile nel padiglione economale

Una nuova intrusione in alcuni padiglioni dell’Ospedale Maggiore è stata denunciata questa mattina alle autorità competenti dai servizi dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma. Nel fine settimana ignoti sono entrati nel padiglione Clinica medica, dove forzando alcune porte si sono introdotti nei diversi piani dell’edificio. Dal sopralluogo effettuato dal personale del Maggiore insieme alle Forze dell’Ordine non risultano mancare apparecchiature, computer od oggetti di valori. Intrusioni si sono verificate anche al piano terra del padiglione direzione, nel padiglione Cucine, che ospita i servizi tecnici ed economali, e nel direzionale della Clinica ostetrica. Anche in questo caso sono state forzate alcune porte degli uffici sanitari e amministrativi e non risulta mancare nulla, fatta eccezione per un vecchio portatile in uso all’economato. L’Azienda Ospedaliera, come già detto, ha alzato da tempo il livello di attenzione, con l’aiuto di tutti i servizi e le strutture aziendali e sta proseguendo il piano di potenziamento dei sistemi di sicurezza all’interno dell’ospedale. Dalla scorsa settimana, inoltre, è stato rafforzato ulteriormente il servizio di vigilanza in capo alla ditta specializzata, che già da alcuni mesi aveva aumentato il numero dei giri di pattugliamento notturno, con l’avvio di un presidio di vigilanza fisso in diverse aree e accessi ai padiglioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 84 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Parma potrebbe passare in zona gialla dal 26 aprile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento