menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ruba una pelliccia e un giubbotto di pelle in Ghiaia: 32enne, fermato da un commerciante, finge un malore

Si è presentato allo stesso mercato in cui aveva effettuato un furto due giorni prima con il giubbotto rubato: il titolare di un banco lo ha riconosciuto

Aveva rubato una pelliccia e un giubbotto di pelle dal banco all'interno del mercatino in Piazza Ghiaia: si è ripresentato due giorni dopo nello stesso mercato, aggirandosi tra i banchi con fare sospetto ed indossando il giubbotto rubato. Il commerciante, titolare del banco a fianco a quello della collega che ha subito il furto, lo ha riconosciuto e lui si è buttato a terra fingendo un malore. Il curioso episodio si è verificato ieri domenica 18 dicembre in piazza Ghiaia. Un negoziante ha chiamato la Polizia poichè ha riconosciuto l'autore di un furto perpetrato venerdì 16 dicembre ai danni del suo banco: un giovane infatti se ne era andato con una pelliccia ed un giubbotto. Quando la Volante della Polizia è arrivata sul posto il giovane, un palestinese di 32 anni, era disteso a terra, come se fosse stato colto da un malore improvviso. L'uomo è stato identificato dagli agenti, come I.R., irregolare e senza fissa dimora, pluripregiudicato e sottoposto alla misura restruttiva del divieto di ritorno nel Comune di Parma. Il negoziante ha bloccato il giovane appena lo ha visto e poi ha atteso l'arrivo delle forze dell'ordine: in un primo momento l'atteggiamento del 32 enne sembrava collaborativo, poi invece si è buttato a terra lasciando intendere di essere in preda a spasmi. Soccorso dal personale del 118 il giovane è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria per i reati di furto aggravato ed inosservanza dell'Ordine del Questore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento