menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guanda, 15enne ruba il portafoglio a due studenti: denunciato e affidato ai familiari

Due ragazzi, che stavano studiando all'interno della biblioteca si sono allontanati dalla loro postazione, al ritorno i portafogli non c'erano più: fermato un minorenne riconosciuti dagli altri giovani

Alle ore 13.50 circa del 31 marzo, una Volante della Polizia di Stato allertata tramite 113 è intervenuta nei Giardini di San Paolo presso la biblioteca “Guanda” perché dei ragazzi avevano da poco subito il furto dei portafogli. Giunti sul posto, gli agenti hanno accertato che, alle ore 13.45 circa, una coppia di ragazzi, mentre stavano studiando all’interno della Biblioteca “Guanda”, si erano allontanati dalle loro postazioni alcuni minuti: ritornati, avevano trovato spariti i loro portafogli, che avevano lasciato negli zaini.

Poiché un’altra ragazza, che si trovava nella stessa biblioteca, aveva testimoniato di aver visto poco prima un giovane bussare insistentemente alla porta d’emergenza della biblioteca che dà nei Giardini di San Paolo: una ragazza dall’interno aveva aperto la porta e il giovane era entrato, dirigendosi verso un’ala della biblioteca, per poi uscire di fretta pochi secondi dirigendosi nei giardini. Poco dopo, due ragazzi l’avevano informata di aver appena subito il furto dei portafogli nella stessa ala della biblioteca dove aveva visto entrare solo il giovane anzidetto.

Raccolte le testimonianze e dato il brevissimo tempo trascorso dal momento del furto, la Volante ha effettuato una ricognizione all’interno dei Giardini di San Paolo, notando un ragazzo che, alla vista degli agenti, ha iniziato ad allontanarsi velocemente dal parco. Immediatamente fermato, il giovane ha mostrato subito insofferenza al controllo, con fare arrogante e sprezzante, inizialmente ha ammesso di essere entrato nella biblioteca ma solo per leggere dei libri, ma, incalzato dalle domande, alla fine ha ammesso di aver commesso il furto insieme ad un (fantomatico) suo amico, ha condotto gli agenti vicino ad una centralina elettrica dove aveva nascosto il portafogli, permettendone il ritrovamento e quindi la restituzione alla legittima proprietaria.

Il ragazzo fermato è stato riconosciuto dagli studenti presenti come il giovane che era stato visto introdursi all’interno della biblioteca. Condotto in Questura, pur continuando con la sua condotta arrogante, è stato identificato per H.R., minorenne, di 15 anni, di origine marocchina residente in provincia, già pregiudicato per analoghi reati: al termine degli accertamenti sulla sua identità, è stato indagato in stato di libertà per il reato di furto aggravato ed affidato ai familiari

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 88 nuovi contagi e 4 decessi

  • Cronaca

    Viarolo: via i mezzi pesanti dal centro abitato

  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento