Ospedale Maggiore, rubano il macchinario per l'ecografia

Ignoti si sono introdotti all'interno del padiglione Barbieri in un ambulatorio ed hanno sottratto lo strumento che vale circa 20 mila euro. I ladri hanno usato 2 cacciaviti per forzare la serratura

Furto di macchinario per ecografia all’ospedale Maggiore presso il padiglione ‘Barbieri’ (valore circa ventimila euro). La data del fatto è compresa tra il venerdi sera e lunedi mattina. Il luogo interessato dal furto, infatti, è utilizzato come ambulatorio aperto al pubblico dal lunedi al venerdi e, nel week end, il personale non vi ha fatto accesso. Al momento della constatazione del furto si è notata semi aperta la porta che affaccia sulla scala esterna antincendio. Per forzare la porta di accesso alla stanza sono stati utilizzati due cacciaviti, ritrovati per terra dal personale intervenuto. Indagini in corso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento