menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Venezia, ladri arrestati in flagranza: uno finisce in braccio agli agenti

Avevano già messo a segno due colpi in due appartamenti del quartiere e stavano per chiudere il terzo in via Venezia quando sono stati colti in flagranza: uno è finito letteralmente in braccio agli agenti mentre tentava la fuga dalla finestra, l'altro è stato scovato nell'armadio

Non è bastato il classico nascondiglio nell'armadio e nemmeno la più inflazionata fuga dalla finestra con le lenzuola per sfuggire all'arresto. Così sono stati colti con le mani nel sacco i due fratelli di origini albanesi, classe 1987 e 1990, che ieri intorno alle 19 avevano già messo a segno due colpi in zona San Leonardo e stavano per chiuderne un altro in via Venezia quando sono stati colti in flagranza dagli agenti della Squadra Volanti.

A incastrare i due malviventi, che erano riusciti ad entrare in casa rompendo il vetro di una porta finestra, è stato un vicino. L'uomo infatti sapeva che i proprietari dell'appartamento al piano di sotto a quell'ora solitamente sono ancora a lavoro e insospettito dai rumori provenienti dall'abitazione ha deciso di chiamare il 113. A quel punto sono giunte sul posto due volanti e contemporaneamente è arrivata anche la proprietaria. In poco tempo, quindi, due agenti si sono appostati sotto la finestra mentre altri due sono entrati in casa dalla porta principale. I ladri così sono caduti in trappola e mentre uno è finito letteralmente in braccio agli agenti mentre tentava la fuga dalla finestra, l'altro è stato scovato nell'armadio.

I fratelli avevano ancora addosso il bottino incassato nei due appartamenti appena svaligiati, uno al primo piano in via Nuoro e uno al terzo piano in via Verona, e se tutto fosse filato liscio sarebbero riusciti a rubare circa un centinaio di oggetti in oro, 1000 euro in contanti e un telefono cellulare. Entrambi i fratelli, pluripregiudicati, sono stati arrestati per furto aggravato e detenzione di oggetti atti a offendere. Il più grande dei due, inoltre, era già agli arresti domiciliari per un furto commesso lo scorso anno ed è stato denunciato per evasione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 43 casi e un decesso

  • Cronaca

    Il piano di Patrick: voleva uccidere anche Maria Teresa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento