Gazzetta di Parma, 9 esuberi. Il CdR: "10 giorni di sciopero"

Sotto accusa del Cdr "una sede faraonica e assolutamente inutile, un centro stampa costoso e non adeguato ai tempi, una grafica inappropriata per un giornale locale, dirigenti assunti con elevatissimi compensi e poi allontanati con sontuose buonuscite"

L'assemblea dei giornalisti della Gazzetta di Parma ''ha affidato al comitato di redazione dieci giorni di sciopero da poter eventualmente utilizzare e ha chiesto di procedere se necessario alla verifica della fiducia al direttore Giuliano Molossi''. Lo sottolinea il CdR in una nota, protestando contro ''un piano di ristrutturazione che prevede 9 esuberi su 41 giornalisti e una serie di misure, tra cui la chiusura della redazione di Fidenza''.

''E' una scelta gravissima - prosegue il CdR - e senza precedenti'', compiuta certo in un momento di crisi del settore, di cui però la Gazzetta risente ''meno di altri giornali: aumentano quote di mercato e numero dei lettori, calano le copie, ma molto meno rispetto ad altri quotidiani. Perché allora ricorrere a tagli così drastici?''. Sotto accusa, ''anni di scelte sbagliate'' degli amministratori: ''una sede faraonica e assolutamente inutile, un centro stampa costoso e non adeguato ai tempi, una grafica inappropriata per un giornale locale, dirigenti assunti con elevatissimi compensi e poi allontanati con sontuose buonuscite''. Senza contare che ''nell'ultimo anno e mezzo, la Gazzetta ha perso tre giornalisti senza che siano stati sostituiti''. Tutte scelte contestate dalla redazione, che ''da sempre disponibile - continua il CdR - ad affrontare le nuove sfide della multimedialità e della riorganizzazione'', ora ''non può accettare un piano che è una spada di Damocle sul futuro della Gazzetta'' e si mobilitano ''avendo incassato un secco rifiuto'' alla richiesta di ritirare il piano posta all'azienda.

Solidarietà da tutta la redazione di ParmaToday ai lavoratori della Gazzetta di Parma 

LA REPLICA DI MATTEO MONTAN. Il piano per il superamento dello stato di crisi e il rilancio della Gazzetta di Parma ha ''misure ritenute indispensabili per superare il momento di grande difficoltà che la nostra Azienda, in misura del tutto analoga rispetto a qualsiasi altro giornale, si trova ad affrontare in questo momento di epocale trasformazione del settore''. Così Matteo Montan, ad della Gazzetta di Parma, replica al CdR, che ha un mandato di sciopero contro gli esuberi previsti. Le misure, approvate all'unanimità dal Cda e presentate al CdR, ''intendono - spiega Montan - in primo luogo proteggere e rilanciare il business tradizionale legato alla edizione cartacea del giornale, ma anche rafforzare il business digitale e creare nuove linee di ricavo, investendo in tutte e tre queste direzioni. Al tempo stesso, l'Azienda considera non più rimandabile un profondo ripensamento dell'organizzazione del giornale e della sua struttura di costo, che devono essere rimodellate su un volume di ricavi purtroppo molto inferiore rispetto a quello degli anni passati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per questa ragione, il Piano presentato prevede di rivedere tutte le voci di costo dell'azienda, nessuna esclusa. Come indicato nel Piano, è importante sottolineare che nell'attuare in particolare la riorganizzazione del lavoro redazionale, l'Azienda non intende incidere in maniera traumatica sull'organico, ma ricorrere a tutti gli strumenti disponibili al fine di preservare l'occupazione, minimizzare l'impatto sulle retribuzioni e proteggere la qualità del giornale''. ''L'Azienda - prosegue l'ad - ritiene infatti che il modello di organizzazione del lavoro contenuto nel Piano permetterà di aumentare il valore delle nostre testate nel futuro, anche confezionando le pagine di Fidenza e Salso nella sede di Parma, o contando su un numero di redattori contemporaneamente al lavoro inferiore rispetto al passato''. ''L'Azienda è certa che si potranno continuare ad offrire ai nostri lettori testate di grande qualità, ad esempio dando attuazione alle Linee Guida del giornale che la stessa Redazione ha concorso in modo fondamentale a definire e che non resteranno certo lettera morta. Per il futuro della Gazzetta, l'Azienda conferma quindi che la strada è quella indicata dal Piano presentato, sul quale ci si augura quanto prima un confronto produttivo e sereno''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento