rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca

Geo Barents, terminate a Ravenna le operazioni di sbarco: 11 i migranti in arrivo a Martorano

Tra i migranti soccorsi, 34 sono minorenni, 27 dei quali non accompagnati. A bordo della nave anche una donna incinta

Si sono concluse le operazioni di sbarco dei 336 migranti che si trovavano a bordo della nave Geo Barents di Medici Senza Frontiere, arrivata questa mattina alle 8 al terminal crociere di Porto Corsini a Ravenna. Si tratta di donne e uomini, soccorsi in mare in acque libiche dalla Guardia costiera, provenienti da Pakistan, Siria, Eritrea, Bangladesh, India, Senegal, Sudan del Nord e del Sud, Egitto, Nigeria, Palestina, Sri Lanka e Yemen. Trentaquattro di loro sono minorenni27 dei quali non accompagnati. A bordo c’era anche una donna incinta. Ad assisterli, la macchina organizzativa dell’Emilia-Romagna: oltre 200 operatori tra personale della Prefettura, del Comune di Ravenna, forze dell’ordine, medici, infermieri, mediatori culturali, Croce Rossa e volontari della Protezione Civile.

Al termine delle operazioni di prima accoglienza, 112 migranti saranno trasferiti presso le strutture di accoglienza dell’Emilia-Romagna: 11 verranno assegnati a Parma, al complesso di Martorano che oggi conta già oltre 110 presenze nell'ex sede della Columbus. La stagione invernale non ha alleggerito il carico su Martorano, non ci sono nuove sistemazioni e nei prossimi giorni la Prefettura di Parma lancerà un nuovo bando per reperire la disponibilità di alloggi in vista della stagione primaverile. 

“Ancora una volta, la macchina dell’accoglienza regionale, pur dinanzi a una situazione senza precedenti per il numero di persone da assistere, si è attivata con prontezza e con un grande dispiegamento di forze per prestare soccorso a chi si trova in condizioni di difficoltà-  affermano il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore al Welfare, Igor Taruffi- donne, uomini e bambini fuggiti da situazioni drammatiche, spesso dalla guerra, che hanno trascorso molti giorni in mare dopo essere sopravvissuti a un naufragio. A tutti gli operatori che in queste ore stanno lavorando senza sosta, al nostro personale medico e sanitario, sempre in prima linea, con professionalità e umanità, per prestare le cure necessarie a coloro che ne hanno più bisogno, va il nostro ringraziamento”.

“Di fronte a un Governo che diceva di voler chiudere addirittura i porti e si trova invece a gestire in maniera improvvisata gli arrivi e l’accoglienza, lasciando spesso soli i territori- aggiungono presidente e assessore-, l’Emilia-Romagna, come sempre, risponde con i fatti. Perché la solidarietà fa parte di ciò che siamo, e rappresenta un valore irrinunciabile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Geo Barents, terminate a Ravenna le operazioni di sbarco: 11 i migranti in arrivo a Martorano

ParmaToday è in caricamento