Scuola, Gilda: "A Parma 100 cattedre scoperte e per la Scuola Europea spendiamo 30 milioni"

L'associazione Gilda interviene in merito al numero delle cattedre che rimarranno scoperte nel prossimo anno scolastico: "I soldi per la Scuola Europea non sono mancati, mentre altre scuole del territorio si trovano in situazioni critiche"

Il cantiere della Scuola Europea in via Langhirano

L'associazione Gilda interviene in merito al numero delle cattedre che rimarranno scoperte nel prossimo anno scolastico: "I soldi per la Scuola Europea non sono mancati, mentre altre scuole del territorio si trovano in situazioni critiche".

"Mentre qui a Parma si apprende dalle istituzioni locali l’esatto ammontare degli esorbitanti costi fino ad oggi sostenuti dalla collettività per il cantiere, non ancora terminato, della cosiddetta Scuola Europea, da Roma arrivano notizie gravissime che riguardano le altre scuole del territorio, che nonostante tutto, grazie all’abnegazione del corpo docente, rispettano ampiamente e forse più di altre gli standard europei.

Il cantiere di via Langhirano è un pentolone che costa alla collettività circa 30milioni di euro, e non sembra sia finito, di questi soldi ben 12milioni 419mila 705 euro sono stati elargiti direttamente dal Ministero della Pubblica Istruzione, con il bene stare di tutte le forze politiche, parlamentari ed extraparlamentari, ed a quanto pare anche a quelle più recenti pentastellate. Nel dettaglio: 4.600.000 euro sono arrivati dal ministero della Pubblica istruzione, 8.360.000 dal Cipe, 7.819.705 ancora dal ministero della Pubblica istruzione, tramite l'Ufficio scolastico regionale e 8.868.015 euro da Stt.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto dai resoconti ministeriali la Gilda Unams apprende che nell’organico della scuola parmense restano scoperti 71 posti di docenti di scuola primaria, e ulteriori 15 di scuola anch’essi di scuola primaria per il sostegno, nella scuola dell’Infanzia statale mancano 6 maestri, oltre a due docenti di sostegno. Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda Unams, a tal proposito dichiara: “Come al solito si dovrà procedere incaricando docenti a tempo determinato: per gli insegnanti interessati sarà un ennesimo anno di precariato, mentre agli alunni non viene garantita la continuità didattica perché la politica non stabilizza i docenti costringendoli a continui licenziamenti ed assunzioni. Un andazzo caotico prosegue il coordinatore della Gilda - intanto la ciliegina sulla torta arriva dalla Provincia, che a causa dei minori trasferimenti dallo Stato centrale pare non possa garantire completamente il ricambio degli arredi scolastici, ciò mentre si foraggiano carrozzoni molti cari alla politica, come l’ente Invalsi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • I rinforzi di Liverani, le trattative, la linea Krause: sullo sfondo il derby

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento