Giocampus sbarca su Facebook: apre la fan page

Nelle scorse settimane è stata aperta una fan-page per far conoscere più da vicino il modello di educazione motoria e alimentare proposto dall'Alleanza Educativa del territorio parmigiano

Il progetto Giocampus, fiore all’occhiello della città e sempre più modello di riferimento nazionale per il benessere delle future generazioni, approda anche su Facebook. Nelle scorse settimane, infatti, è stata aperta una fan-page per far conoscere più da vicino il modello di educazione motoria e alimentare proposto dall’Alleanza Educativa del territorio parmigiano (Comune, Ufficio Scolastico, Coni, Cus Parma, Università e Barilla).

Già nei primi giorni di apertura della pagina si è registrato un notevole successo in termini di interazioni e accessi alla pagina, che testimonia la grande partecipazione e attenzione nei confronti di questa iniziativa che coinvolge oltre 2500 bambini al giorno. Dopo il sito internet (www.giocampus.it), la newsletter e il canale Youtube, ecco una nuova modalità per essere ancora più vicini alle persone interessate progetto, riconosciuto di grande prestigio in ambito locale e nazionale.

Le finalità dell’apertura della pagina sono tante e ambiziose. Innanzitutto quella di ampliare la community che segue e che partecipa al progetto. La pagina Facebook sta diventando, giorno dopo giorno, un luogo d’incontro, di scambio di informazioni e di confronto “virtuale” sulle corrette strategie per promuovere il benessere delle future generazioni. Sono le mamme ad essere maggiormente presenti e attive sulla pagina, interagendo sia per conoscere cosa fanno i loro figli a scuola e durante i soggiorni in montagna, sia per cogliere gli spunti e i suggerimenti sulle buone abitudini alimentari e motorie.

Grazie alla grande visibilità che il progetto Giocampus riscuote sia localmente ma anche su tutto il territorio italiano, il profilo Giocampus su Facebook fa registrare accessi da quasi tutt’Italia e anche dall’estero: Francia, Inghilterra, Germania, Olanda, Russia sono solo alcuni dei paesi che seguono il progetto; si registrano anche numerose visite dagli Stati Uniti. Giocampus, pertanto, si conferma essere motivo di orgoglio per la città come modello
nazionale e internazionale di riferimento per il benessere delle future generazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attraverso la pagina, inoltre, è possibile essere aggiornati in tempo reale su tutte le fasi del progetto – Scuola, Neve e Estate – conoscere tutte le iniziative ad esse collegate e avere la possibilità di scaricare la documentazione utile per iscrizioni, per diventare parte dello staff per conoscere i contenuti didattici e i suggerimenti per il benessere alimentare e motorio. Per non perdersi nulla e rimanere sempre aggiornati – per chi ha già attivo un profilo Facebook – basta mettere il “mi piace” alla pagina www.facebook.com/giocampusofficial.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento