menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giocampus, la 'rivolta' di operatori e utenti parte da Facebook

Il gruppo 'Salviamo Giocampus' sta raggiungendo la quota di 900 iscritti, tra cui l'ex sindaco Pietro Vignali e il consigliere comunale Roberto Ghiretti: "Giocampus deve andare avanti"

La rivolta contro la sospensione del progetto Giocampus Scuola inizia dai social network. Operatori e genitori insieme per protestare contro il blocco del progetto per il prossimo anno scolastico di cui si è avuta notizia da pochi giorni. Su Facebook  il gruppo 'Salviamo Giocampus' sta raggiungendo la soglia dei 900 membri, notevole il numero dei commenti arrivati. Tutti a difesa del progetto. Tra gli aderenti al gruppo anche l'ex sindaco Pietro Vignali e il consigliere comunale di Parma Unita Roberto Ghiretti.

IL GRUPPO SALVIAMO GIOCAMPUS

Ecco alcuni dei commenti arrivati al gruppo. "Penso che dopo tutto quello che è stato fatto in questi anni per fare diventare il Giocampus una realtà immancabile per i bambini e le famiglie e con iniziative sociali importanti (bambini terremotati dell'Emilia), sia veramente assurdo poter solo pensare di non avere un punto di riferimento come questo per il futuro". "Sospendere il Giocampus? Ma altro che sospendere! dovrebbero fare alle persone normali degli stage formativi di fianco agli istruttori e ai jolly del Giocampus per capire il valore aggiunto di queste persone e la fatica che fanno a trasmettere dei valori a dei ragazzi in crescita!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento