Giocampus, i bambini disegnano una tela per le vittime del terremoto in Giappone

Il progetto mondiale “A present for planet earth” atterra a Giocampus. E' stata l'unica tappa italiana del tour mondiale promosso dalla ONG Kids Earth Fund di Tokyo. L'opera ritornerà in Giappone

Il progetto mondiale “A present for planet earth” atterra a Giocampus. Unica tappa italiana del tour mondiale promosso dalla ONG Kids Earth Fund di Tokyo per sensibilizzare la comunità internazionale al sostegno dei bambini vittime del terremoto in Giappone del 2011. Colorare il mondo per esprimere solidarietà e infondere speranza. E’ quello che è successo questa mattina a Giocampus quando i bambini – nel corso di un workshop guidato – hanno disegnato e colorato una grossa tela che, grazie al contributo artistico di tanti altri bambini di oltre dieci nazioni, raffigurerà il mondo visto dai bambini.

A novembre, quando terminerà il tour, questa originale opera d’arte ritornerà in Giappone dove i bambini di Watari City di Miyagi, città colpita dal terremoto, la completeranno e dove rimarrà esposta al pubblico per testimoniare l’affetto dei bambini di tutto il mondo a chi è stato colpito dal terribile sisma. “Siamo onorati – ha dichiarato Elio Volta, coordinatore di Giocampus – di questa visita così speciale e siamo felici di potere contribuire con forme espressive come il disegno e la pittura, linguaggi universali che a Giocampus sono ormai da tempo divenute discipline ufficiali del percorso educativo del nostro progetto, al processo di riabilitazione emotiva di bambini in situazioni di difficoltà. Giocampus si conferma occasione di educazione al benessere anche attraverso la solidarietà e la sensibilizzazione ai temi dell’altruismo e della collaborazione”.

L’associazione KEF (Kids Earth Fund) di Tokyo, nata nel 1988, è un’organizzazione no-profit che si propone di promuovere a livello internazionale la pace e il rispetto per il pianeta in generale attraverso l’arte fatta dai bambini. Tutte le realizzazioni artistiche create attraverso KEF vengono destinate a progetti per bambini costretti a vivere in situazioni particolarmente drammatiche e complesse.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sin dalla sua fondazione l’associazione ha devoluto la raccolta di fondi alla realizzazione di progetti di sostegno ai bambini di paesi di tutto il mondo colpiti da disastri ambientali e situazioni di disagio. Alcune delle opere realizzate dai bambini sono state inserite in mostre artistiche di livello internazionale in alcuni dei musei più importanti del mondo tra cui il Center Pompidou di Parigi, il GATT di Ginevra, il Museo Pushkin di Mosca e il World Trade Center di Boston. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento