menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gioco d'azzardo relazioni familiari: seminario della Ausl il 21 aprile

“Sono affari di famiglia: azzardo e relazioni familiari” in programma il 21 aprile nell’Auditorium della sede del Gruppo Cooperativo COLSER-Auroradomus. Dal 2010 al 2013 in Emilia Romagna c'è stato un incremento del 116.8% degli utenti in carico ai Ser.T per problemi di gioco d'azzardo.

“Il problema non è mio” è la prima cosa che dice chi chiede aiuto ai Servizi, come a rimarcare l’impossibilità di intervenire, da solo, a sostegno di un proprio familiare. Si parte da qui, dal bisogno di aiuto, per analizzare l’intero contesto della famiglia, fino ad arrivare al percorso di cura proposto al giocatore d’azzardo al seminario “Sono affari di famiglia: azzardo e relazioni familiari” in programma il 21 aprile nell’Auditorium della sede del Gruppo Cooperativo COLSER-Auroradomus, in  via Giorgio Sidney Sonnino 33/A, a Parma.

Il focus dunque, non è solo sulla cura, ma è anche sulla rappresentazione dell’ambiente familiare, che spesso mostra una struttura di relazioni interne per molti versi insoddisfacenti per tutti i componenti. Generalmente, affiora un disagio diffuso caratterizzato da rancori sopiti che, appunto perché non espressi, non possono essere affrontati. Ciò che si può dire e di cui si può parlare sembra essere soltanto il problema costituito dai comportamenti razionalmente incomprensibili del “giocatore”.

Un problema, quello della dipendenza da gioco d’azzardo, sempre più attuale e in crescita, complici la crisi economica e la facilità con cui si può iniziare: in rete l’offerta non manca, dai casinò virtuali a siti e forum di discussione dedicati agli scommettitori.

In Emilia-Romagna, dal 2010 al 2013, si registra un incremento del 116.8% degli utenti in carico ai Ser.T – Servizi per le Tossicodipendenze. Solo nel 2014, le persone trattate sono state 1.277. A Parma e provincia, i Servizi dell’AUSL hanno seguito, nel 2014, 94 persone, contro le 104 del 2013. Prevalentemente si tratta di maschi, 5 per ogni femmina seguita. Mentre nel 2015, gli assistiti sono stati 96, di cui 38 nuovi utenti. Prevalentemente maschi, italiani.

Il gioco d’azzardo è una malattia che si può curare. Prima viene diagnosticato il problema, più alte sono le possibilità di liberarsi da questa dipendenza. Il punto di riferimento è il Ser.T, dove l’accesso è gratuito e diretto: non si paga alcun ticket, né occorre la richiesta del medico di famiglia. La presa in carico della persona con dipendenza da gioco d’azzardo è prevalentemente di tipo psicologico, con trattamenti individuali e di gruppo. 

Al seminario, organizzato su iniziativa della Ausl di Parma, dalle 8.30 alle 17, intervengono numerosi professionisti dei Servizi e volontari di Associazioni  dedicate, di Parma, Piacenza e Reggio Emilia. Il programma completo è disponibile sul sito www.ausl.pr.it.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma torna in zona gialla: cosa cambia

  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento