Industriali, domani la 68esima Assemblea dell'Upi al Teatro Regio

La parte pubblica inizierà alle ore 17. Interverranno i professori Alberto Quadrio Curzio e Giulio Sapelli: i lavori saranno conclusi da Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria

Il territorio produttivo parmigiano è sempre più in crisi: le aziende chiudono, annunciano licenziamenti, ristrutturazioni o fughe all'estero. Dalle parole dei lavoratori e dei sindacalisti il sistema è al collasso. L'ultimo caso, preso ormai come simbolo, è quello della Cft: 64 esuberi e bodyguard con transenne agli ingressi. Il proprietario dell'azienda è Catelli, vicepresidente dell'Upi di Parma. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' in questo contesto di crisi che domani 2 luglio alle ore 17 in seduta pubblica, anticipata alle ore 15.30 da un seduta riservata agli invitati si terrà la 68esima Assemblea annuale dell'Unione Parmense degli Industriali al Teatro Regio di Parma. Interverranno i professori Alberto Quadrio Curzio e Giulio Sapelli. I lavori saranno conclusi da Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria.  Il loro compito sarà anche di cercare una via d'uscita alla crisi del sistema industriale parmigiano, programmando interventi per il suo risanamento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

Torna su
ParmaToday è in caricamento