I Giovani Democratici davanti alle scuole contro Casa Pound

Levata di scudi contro i 'fascisti del Terzo Millennio' a Parma, sabato 17 dicembre i giovani del Pd distribuiranno volantini per informare sulla reale natura dell'associazione, Rifondazione chiede la chiusura della sede

Il secondo articolo di Blocco Studentesco contro i partigiani

Levata di scudi contro l'associazione Casa Pound a Parma. Dall'apertura della sede dell'associazione neo fascista in via Iacchia, nel quartiere Montanara, gruppi ed associazioni si sono mobilitate contro la presenza dei 'fascisti del Terzo Millennio' in città. Presidi, manifestazioni, contestazioni in occasione della presentazione del libro di Domenico di Tullio ed altri episodi. Recentemente i giovani di Blocco Studentesco, organizzazione giovanile di Casa Pound Italia, avevano definito in un editoriale di una fanzine i partigiani come 'bastardi, violenti e strupratori'. Le associazioni partigiane avevano condannato il gesto. Poi c'è stato un secondo articolo, con gli stessi toni del primo. Ultimo episodio l'assassinio di due ambulanti senegalesi da parte di un militante di Casa Pound Firenze.

Sabato 17 dicembre i Giovani Democratici, organizzazione giovanile del Pd, saranno davanti alle scuole per distribuire un volantino, dal titolo 'Casa Pound vuol dire fascismo, fascismo vuol dire violenza' per informare gli studenti sulla reale natura dell'associazione. "Oggi siamo davanti alle scuole -si legge nel volantino- a volantinare perché riteniamo sia importante non dimenticare i valori dell’antifascismo e della Resistenza da sempre considerati capisaldi fondanti della nostra Resistenza, capisaldi città e della nostra provincia.

"Spesso accade- continuano i giovani del Pd- che i valori della Resistenza vengano trascurati, messi nel dimenticatoio, o ancora peggio rivisitati, da chi ha dimenticato per negligenza o di proposito il sacrificio di tutti coloro che hanno lottato per la liberazione dell’Italia dal nazifascismo. Questo ha fatto sabato scorso CasaPound davanti ai licei: dimenticare la nostra storia e chi ha dato la vita per la nostra democrazia. CasaPound è un’associazione anticostituzionale e come tale, presto o tardi, deve essere messa in discussione, in modo civile e partecipato".

Anche Rifondazione Comunista chiede la chiusura della sede di Casa Pound. "Diviene oggi più che mai inaccettabile la presenza anche nella nostra città di una sede dell'organizzazione neofascista, autrice anche nell'ultimo periodo di irresponsabili provocazioni. Riteniamo assolutamente necessario che tutte le forze politiche democratiche e antifasciste prendano posizione per chiedere la chiusura della sede parmigiana di Casapound e lo scioglimento dell'associazione. Chiediamo inoltre al commissario del Comune di Parma Mario Ciclosi di agire concretamente per porre fine ad una presenza divenuta inaccettabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • CORONAVIRUS: TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

  • Sbarca a Parma la truffa del finto incidente: "Un giovane si butta sotto l'auto, simulando di essere investito"

  • Tenta una rapina al Centro Torri, poi chiama i carabinieri simulando un'aggressione: denunciato

  • ATTENZIONE ! Coronavirus: sui social un'immagine fake di ParmaToday

Torna su
ParmaToday è in caricamento