menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovanni Damiano Drago: il procuratore che portò Gnoukouri al Parma

Il 32enne, accusato dagli inquirenti di essere il principale artefice del traffico di baby calciatori dalla Costa d'Avorio: freelance, aveva contatti trasversali e trattava con società di serie A e di serie B

Aveva contatti con società calcistiche di serie A e di serie B, era un freelance, lavorava all'occorrenza come talent scout. Il procuratore Giovanni Damiano Drago, arrestato la mattina di oggi, venerdì 1° dicembre, dai poliziotti della Squadra Mobile di Parma, secondo gli inquirenti sarebbe l'artefice del traffico di baby calciatori che, dalla Costa d'Avorio, arrivavano in Italia, grazie a documenti che attestavano false parentele con finti genitori di nazionalità ivoriana. L'attività del procuratore nasce nel 2012 da alcuni rapporti con società calcistiche della Costa d'Avorio: grazie a questi rapporti osservava i giovanissimi giocatori più talentuosi e si garantiva una specie di diritto di prelazione sui migliori.

La struttura organizzativa di cui, secondo le accuse, sarebbe a capo si occupava di cercare cittadini ivoriani disponibili ad assumere il ruolo di falsi genitori: i ragazzi, una volta pronti i documenti falsi, venivano fatti arrivare in Italia: dopo il Visto ottenevano il permesso di soggiorno per ricongiungimento famigliare. Drago si sarebbe occupato di gestire i ragazzi da tutti i punti di vista: alloggio e mantenimento prima, avvio alle scuole calcio italiane dopo. L'attività veniva portata avanti anche grazie ad una rete di collaboratori, anche loro finiti nell'inchiesta come indagati a piede libero. Il traffico fruttava diverse centinaia di migliaia di euro: i profitti ricavati dalla vendita dei cartellini. Tra i calciatori fatti arrivare in Italia ci sarebbe anche Assan Gnoukouri, arrivato al Parma e poi passato all'Inter. Il braccio destro di Drago, sempre secondo le accuse, sarebbe Abdouraman Kone, uomo di fiducia che avrebbe fatto da trait d'union con i veri genitori dei calciatori in Costa d'Avorio. 

Giovanni Damiano Drago è stato anche coordinatore dei giovani dell’Italia dei Valori: nel 2016 era stato messo agli arresti domiciliari nell'ambito dell'operazione Borderland contro l'Nndrangheta. L'accusa è di violenza privata: avrebbe incaricato Massimo Colosimo, arrestato nella stessa indagine, di picchiare un cittadino extracomunitario che vantava, nei suoi confronti, un credito di 200 euro. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento