Cronaca Fornovo di Taro

Girano le telecamere dell'oasi ecologica per scaricare abusivamente i rifiuti: due denunce

In azione la polizia Locale Bassa Val Taro a Fornovo: si tratta di due uomini stranieri residenti in zona

Hanno manomesso le telecamere di controlli dell'oasi ecologica di Fornovo, probabilmente per poter scaricare i rifiuti abusivamente senza essere ripresi. Due stranieri, un 39enne residente a Fornovo e un uomo di Varano dè Melegari, sono stati identificati e denunciati dalla polizia Locale Bassa Val Taro per i reati di di danneggiamento e interruzione di servizio di pubblica utilità. Le telecamere sono state installate proprio per contrastare l'abbandono di rifiuti al di fuori della struttura: i due uomini le hanno orientate in modo tale che le inquadrature puntassero in altra direzione rispetto all'accesso, per poter scaricare la loro merce senza essere scoperti. Ad allertare la polizia locale, i gestori del centro raccolta che hanno notato come i video non riprendessero più l'ingresso.

"Dall'analisi accurate delle immagini, precedenti lo spostamento delle telecamere - spiega il Comandante della Polizia locale, Giovanni Saviano - e dal controllo incrociato del traffico veicolare nella zona, abbiamo individuato la presenza di veicoli sospetti e siamo risaliti agli autori." 

Le telecamere sono state ripristinate e rappresentano la principale forma di controllo sul centro di raccolta, trattandosi di una zone isolata, deserta nelle ore notturne, per individuare i trasgressori. Quella dell'abbandono di rifiuti, anche in grandi quantità, davanti al cancello di entrata è un'abitudine incivile che persiste da anni con il deposito di interi locali svuotati da mobili, masserizie o materiali edili. L'occhio vigile delle telecamere serve a mettere i bastoni tra le ruote a questa forma di inciviltà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Girano le telecamere dell'oasi ecologica per scaricare abusivamente i rifiuti: due denunce

ParmaToday è in caricamento