menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regione, la Giunta non rinuncia alla prima classe: bocciata proposta M5s

Il M5S aveva presentato un emendamento al bilancio per obbligare Bonaccini e i suoi assessori a scegliere prioritariamente la seconda classe per gli spostamenti in treno e quella economy o turistica per i viaggi in aereo. Proposta che è stata bocciata dalla maggioranza. Bertani: “Non c’è la volontà di mettere nero su bianco quella che dovrebbe essere una prassi consolidata”

“Bonaccini e la sua Giunta non vogliono rinunciare a viaggiare in prima classe”. È questa la denuncia di Andrea Bertani, consigliere regionale del M5S, dopo che la maggioranza ha bocciato questa mattina in aula un emendamento al bilancio di assestamento in cui si chiedeva che i membri della Giunta nel corso dei viaggi di missione scegliessero prioritariamente la seconda classe per gli spostamenti in treno, quella economy o turistica per l’eventuale utilizzo di un aereo. “Una richiesta certamente di buon senso, che va in un’ottica di costante contenimento dei costi e che per di più fa parte di un provvedimento che il M5S ha fatto già approvare in Parlamento – spiega Andrea Bertani – Eppure la nostra proposta è stata bocciata lasciando che le cose restino così come sono, ovvero che la Giunta possa scegliere di viaggiare in prima classe sempre e comunque, alla faccia dei tanti cittadini che in questi anni stanno pagando a caro prezzo gli effetti della crisi.

Rigettare questa proposta sostenendo, come fa il PD, che la Giunta ha già approvato una legge sulla riduzione dei costi della politica e che il buon senso dei nostri amministratori è garanzia di sobrietà nelle spese non ha senso. Anche perché non riusciamo a capire che difficoltà ci sia a voler trasformare quella che evidentemente è una prassi per la Giunta in una regola scritta nera su bianco. Per questo – aggiunge Bertani – nelle prossime settimane faremo un accesso agli atti per verificare se sia stata qualche condotta fuori dalle righe già in questi primi mesi di governo”. Sempre sul versante dei viaggi della Giunta è invece stata approvata la proposta del M5S di stabilire un tetto per i rimborsi del tragitto casa-lavoro evitando che ci possano essere dei rimborsi astronomici per chi sceglie di utilizzare macchine di grossa cilindrata, come i SUV, o per chi sceglie di risiedere fuori dal territorio regionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento