Giuseppe Verdi, i miei primi 200 anni! Pizzarotti: "Ricordo l'uomo dal grande senso civico"

Si celebra oggi il compleanno di Giuseppe Verdi, il grande Maestro. Durante la giornata di oggi si susseguono iniziative, incontri, spettacoli. Stamattina le Celebrazioni del Bicentenario

Si celebra oggi il compleanno di Giuseppe Verdi, il grande Maestro. Durante la giornata di oggi si susseguono iniziative, incontri, spettacoli. Stamattina le Celebrazioni del Bicentenario. Federico Pizzarotti: "Il mondo ricorda le opere, ma noi italiani anche il politico e l'agricoltore che amava la sua terra". Duecento anni decisamente ben portati: Giuseppe Verdi sarebbe fiero di questa festa di compleanno nella sua terra natale, prima nella casa natale di Roncole, poi dinanzi al monumento a lui dedicato in piazza della Pace.

La cerimonia – di solito silenziosa e riservata ad uno sparuto gruppo di appassionati – questa volta si è svolta in pompa magna con centinaia di persone: in piazza si sentiva parlare, insieme all’italiano e al dialetto parmigiano, l’inglese, il tedesco e il giapponese, con diverse guide turistiche impegnate a spiegare e tradurre. Insomma questo duecentesimo anniversario è stato un regalo che la città a fatto a Verdi, ma anche un regalo che Verdi ha fatto alla città. 

Tutto è nato a Roncole il 10 ottobre di duecento anni fa – ha affermato il sindaco Pizzarotti nell’introdurre la cerimonia – oggi celebriamo il maestro, ma anche l’uomo politico simbolo del Risorgimento, l’agricoltore, l’uomo dal grande senso civico che amava la sua terra. Questo magico ottobre – ha concluso – è un mese importante, l’inizio di una nuova stagione di cui Giuseppe Verdi è protagonista”.

“Da Pechino a Chicago – ha affermato Albertina Soliani, presidente vicario del Comitato Nazionale Celebrazioni Verdiane e proponente della legge sul bicentenario – oggi si celebra questo grande figlio della nostra terra, che con la sua musica unisce popoli lontani e diversi”. La cerimonia è proseguita con i brevi interventi di Enzo Petrolini, presidente del Club dei 27, Andrea Rinaldi, presidente Corale Verdi, Patrizia Monteverdi, presidente di Parma Lirica e della presidente dell’associazione tedesca “Viva Verdi”. Quindi gran finale con la poesia “Al dez d’otobor” di Giovanni Reverberi, letta da Enrico Maletti e con l’immancabile “Va’ pensiero” intonato dal coro della Corale Verdi.

GLI APPUNTAMENTI DI OGGI. Il Festival Verdi festeggia il 200° compleanno di Giuseppe Verdi, giovedì 10 ottobre 2013, con quattro appuntamenti nel corso della giornata che culmineranno alle ore 20.00 al Teatro Regio con il concerto della Filarmonica Toscanini e del Coro del Teatro Regio diretti da Francesco Ivan Ciampa.In programma brani sinfonici da Macbeth, Otello, La forza del destino e il secondo Atto di Aida, con le voci di Maria Billeri, Enkelejda Shkosa, Roberto Aronica, Giovanni Meoni, Roberto Tagliavini, Giovanni Battista Parodi. Maestro del coro Martino Faggiani. La giornata di festeggiamenti si aprirà alle ore 11.30 con la cerimonia presso il Monumento a Verdi in Piazzale della Pace.

Al tradizionale omaggio della città sulle note del “Va’ pensiero” intonato dal Coro del Teatro Regio di Parma e dalla Corale Giuseppe Verdi di Parma guidati da Fabrizio Cassi, prenderanno parte i rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni cittadine. Al termine, alle ore 12.15, al Teatro Regio si svolgerà la cerimonia di intitolazione del Foyer, della Sala prove e della Sala del Consiglio a tre artisti che hanno legato la loro carriera al Regio e alla città di Parma, rispettivamente Arturo Toscanini, Romando Gandolfi, maestro del coro al Teatro Regio dal 1983 al 1988,  e Giuseppe Negri, direttore del Teatro dal 1959 al 1977. Alle ore 17.00 al Ridotto del Teatro Regio, con ingresso libero, il soprano Mirella Freni dialogherà con Carlo Fontana e Giuseppe Martini, raccontando il suo rapporto con Verdi e la sua musica.

REGIONE EMILIA-ROMAGNA. L’Emilia-Romagna vuole celebrare Giuseppe Verdi, in occasione del Bicentenario della nascita (10 ottobre 1813), in modo innovativo, “popolare” e culturalmente ricco.  Per promuovere e diffondere l’opera verdiana presso il più ampio e vario pubblico la Regione Emilia-Romagna ha deciso di realizzare il Cartellone Verdi 200 digitale: un programma di circa 12 spettacoli verdiani, realizzati nei teatri della regione appartenenti alla rete TeatroNet (connessi con banda larga da Lepida spa).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli spettacoli del Cartellone Verdi 200 digitale saranno fruibili gratuitamente su questo sito www.giuseppeverdi.it e www.lepida.tv, ed inoltre, sempre in forma gratuita, nei teatri appartenenti alla rete TeatroNet che si renderanno disponibili a trasmettere la diretta, in altri luoghi collegati alla rete, attraverso banda larga o anche connessione ADSL, come ad esempio biblioteche, conservatori, scuole, piazze ecc., su LepidaTv (canale digitale terrestre 118, visibile in Emilia-Romagna) e nelle sedi degli Istituti di Cultura Italiana all’estero. Le trasmissioni saranno fruibili anche su iPad, attraverso un'applicazione specifica. Il progetto Cartellone Verdi 200 digitale è coordinato dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna e il supporto tecnico di Lepida spa.
 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento