Cronaca

Gli studenti tornano in piazza: "Vogliamo aule non affollate e trasporti più sicuri"

Sciopero a partire dalle 8 di venerdì 29 gennaio da barriera Bixio

"Vogliamo aule meno affollate e trasporti più sicuri". Gli studenti di Parma e provincia tornano in piazza, a pochi giorni dalla riapertura delle scuole superiori con il 50% degli alunni in presenza. Ora sono le condizioni delle aule e la situazione dei trasporti a preoccupare i ragazzi,  che daranno vita ad uno sciopero nella mattinata di venerdì 29 gennaio, a partire dalle ore 8 da barriera Bixio.

Sciopero di venerdì 29 gennaio: le richieste degli studenti 

"Da qualche settimana - si legge in una nota del Coordinamento Studentesco Basta Illusioni!,- l’Italia è percorsa da proteste studentesche di grande portata. Molte scuole sono state occupate, molte manifestazioni sono state indette, insegnanti, presidi e genitori hanno più volte appoggiato pubblicamente le iniziative quando non partecipato in prima persona.

Anche Parma si è mossa e studenti di vari istituti hanno presidiato quasi ogni giorno per due settimane l’ingresso delle scuole cittadine, le strade e le piazze. A seguito di una sentenza del TAR, in Emilia-Romagna, da lunedì 18 gennaio, si va a scuola. Era quello che volevamo, giusto? Tutto bene quel che finisce bene.

In realtà no: sin dalle prime apparizioni pubbliche abbiamo affermato di volere un rientro in sicurezza. Perché sappiamo bene quante morti abbia causato il COVID-19, e non vogliamo contribuire alla sua diffusione. Allo stesso tempo non possiamo fare a meno di constatare il doppiopesismo insito nella ripresa di attività produttive non essenziali mentre si è tanto prudenti per quanto riguarda la didattica in presenza. Non crediamo di esagerare a definire sistemico questo pluridecennale atteggiamento di svalutazione del mondo dell’istruzione, che si è espresso in tagli ai finanziamenti, progressiva aziendalizzazione e inserimento dei privati, che vedono nella scuola un investimento economico, per sopperire a carenze di soldi pubblici.

Inoltre, non siamo disposte a essere additate come responsabili del propagarsi del virus a causa degli assembramenti alla fermata, sui mezzi o davanti ai cancelli. I trasporti sono carenti e hanno costituito uno dei principali focolai di contagio a causa dell’impossibilità di mantenere le distanze nel tragitto. Problema cui si potrebbe ovviare aumentando il numero delle corse, troppo poche, ma ancora una volta l’ostacolo, ci viene detto, è di tipo economico.

Poi: come si sa, il rientro è al 50 percento, perché mancano gli spazi. Ma il sovraffollamento delle aule non è questione nuova, se ne parla da molto prima della pandemia.

Detto chiaramente, non accetteremo che a noi venga imputata la colpa di una probabile nuova chiusura per il solo motivo di avere voluto far rispettare i nostri diritti.

Vogliamo trasporti pubblici sicuri, la messa in sicurezza degli edifici, più aule e laboratori, assunzioni a tempo indeterminato, tracciamento dei contagi e vaccinazione di soggetti a rischio. Questo significa rientrare in sicurezza, questa è la nostra posizione.

Lo chiederemo a gran voce, perché abbiamo deciso di tornare nelle piazze come tante studenti in tutto il Paese, e dovremo essere il più possibile. Pertanto ci rivolgiamo a chi a scuola studia, ma anche a chi ci lavora: insegnanti, ATA, presidi e vogliamo ricordare che nello stesso giorno della nostra mobilitazione è stato indetto sciopero del settore scuola. Scenderemo venerdì 29 gennaio, in barriera Bixio alle 8.00. La scuola sicura non si chiude!"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti tornano in piazza: "Vogliamo aule non affollate e trasporti più sicuri"

ParmaToday è in caricamento